Valguarnera: Il capogruppo UDC Filippa D’Angelo, “La battaglia per i servizi sanitari a Valguarnera è appena iniziata”

Print Friendly, PDF & Email

La vicenda del Poliambulatorio a Valguarnera, da 3 anni, sta impegnando la politica locale. Tanti i disappunti e le criticità che sono state affrontate. Abbiamo aspettato per l’avvio della risoluzione che, finalmente, è arrivata. Il Direttore Generale dell’ASP, Dott. Iudica, con la sua presenza in Consiglio Comunale, assieme all’Ing. Cordovana che sta elaborando il progetto, ha preso una posizione decisa, affermando che i servizi sanitari verranno, non solo mantenuti, ma l’offerta sanitaria sarà potenziata. La sua compostezza e la sua oculatezza, nel prospettare la fattibilità del progetto sanitario per Valguarnera, hanno fatto ritenere al Gruppo UDC, assieme a chi sostiene il Sindaco Draià, che la (ri)soluzione sia auspicabile nei locali del Centro Polivalente. Sono quelli i locali che, in termini di fertilizzazione, ossia di capacità di dare lustro agli investimenti previsti, si prestano meglio. L’immobile del Centro Polivalente, per fruibilità, costi, sicurezza statica, disponibilità di spazi e per tempistica, si prestano meglio agli schemi distributivi richiesti per una struttura sanitaria, che ha necessità di adeguarsi alla richiesta.

Le prescrizioni dei NAS del 2016, forse sono state imput per ottenere una Sanità che abbia come obiettivo rispondere al benessere del paziente, e garantire, al contempo, l’efficacia e l’appropriatezza delle prestazioni in una struttura all’avanguardia, che garantisca l’accessibilità del luogo, ma soprattutto dei servizi a tutti, in una struttura dotata di spazi più ampi.

A chi, a gran voce, vorrebbe rivendicare la storia dei locali del S. Arena, rispondiamo che le battaglie vanno contestualizzate e storicamente collocate. Quella del 1984 è stata una battaglia nobile per i nostri servizi sanitari, ma oggi, quando il Servizio Sanitario Nazionale festeggia i suoi 40 anni, 40 anni dalla L. 833/1978 che ha istituito la responsabilità pubblica della tutela della salute, noi, sentite le parti sociali, abbiamo voluto dare la parola anche ai veri protagonisti del sistema sanitario locale, a chi, ogni giorno, lavora in quelle corsie, negli ambulatori. Il loro intervento in consiglio comunale, “fuoriprogramma”, è stato testimonianza che ha convinto noi amministratori. Noi abbiamo il dovere di far mantenere e, soprattutto, di far migliorare il nostro sistema sanitario territoriale. La nostra battaglia inizia da qui, da questo impegno data all’ASP, qui inizia il nostro vigilare affinché Valguarnera non soffra la paventata sottrazione dei servizi sanitari. Con rammarico ci rivolgiamo ai colleghi della minoranza che, in maniera sterile e pretestuosa, ancora una volta hanno abbandonato, non l’aula consiliare, ma il “campo di battaglia”. I nostri cittadini meritano la nostra presenza e la nostra perseveranza, la stessa che questa amministrazione ha avuto dal giorno in cui si è dovuta imbattere e confrontare con questa difficile e critica problematica.

Personalmente ringrazio le parti sociali intervenute nella conferenza dei capigruppo perché, con i loro interventi, sono stati determinanti per la nostra assunzione di responsabilità, il con loro confronto ha dirottato il nostro sguardo verso la collettività che non merita scontri, ma che ha bisogno dei servizi. Ringrazio il consigliere Avv. Alessi per la maturità e il senso di responsabilità avuto nel condividere con il nostro gruppo la giusta decisione, facendo emergere dai suoi interventi in aula la sua personalità e la padronanza della sua posizione.

Una promessa la facciamo al nostro concittadino, già Sindaco, S. Arena che i locali del Poliambulatorio non verranno dimenticati, anche per quell’immobile continueremmo il nostro impegno.

Il Capogruppo UDC, consigliere Filippa D’Angelo.”

Related posts

Leave a Comment