Enna: inaugurazione del monumento dedicato ai caduti per servizio delle Forze dell’Ordine

Print Friendly, PDF & Email

Il giorno 7 maggio 2019, alle ore 17,00, in Piazza Franzolin – di fronte alla Caserma del Comando Provinciale dei Carabinieri di Enna, sarà inaugurato il monumento dedicato ai caduti per servizio delle Forze dell’Ordine. Il manufatto, costruito dall’Amministrazione Comunale della nostra città, su proposta delle Associazioni Nazionali dei Carabinieri, Finanzieri, Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria e Vigili del Fuoco, vuole ricordare tutti gli uomini e le donne in divisa che, nel corso dei tempi, hanno dato la vita per la Patria, in guerra e in pace, nelle missioni all’estero al servizio delle Nazioni Unite, in difesa della pace e della libertà delle popolazioni, nelle calamità naturali che hanno colpito periodicamente il nostro Paese, nella lotta contro la criminalità organizzata di ogni genere e con il controllo del territorio, in ogni angolo del nostro bel Paese, per garantire a tutti noi cittadini di vivere in una società sicura e civile. Il ricordo di questi servitori della Patria, caduti nell’adempimento del proprio dovere, come sottolineato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile u.s., è “un dovere morale e civile” da trasmettere, come monito, alle generazioni più giovani. Le Associazioni promotrici porgono il loro sentito ringraziamento al Sindaco di Enna avv. Maurizio Dipietro, l’Amministrazione ed il Consiglio Comunale che hanno preso a cuore tale iniziativa, mettendo a disposizione i fondi necessari per la realizzazione del manufatto, all’architetto Andrea Caporali, dello studio Omphalos, che ha donato il progetto, nonché a tutti coloro che hanno contribuito a realizzarlo. Inoltre, le Associazioni promotrici ringraziano sentitamente il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Col. Giuseppe Licari, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, T. Col. Saverio Leonardi, il Questore di Enna, per il supporto dato affinché tale iniziativa andasse in porto.

Related posts

Leave a Comment