Enna : SUCCESSO DELLA PRIMA EDIZIONE DEL “FARINATO DAY” ORGANIZZATO DAL LOCALE LICEO SCIENTICO

Print Friendly, PDF & Email

“Questa comunità scolastica e questo Liceo rappresentano la forza viva della nostra città. La memoria, la storia e i valori del personaggio Pietro Farinato, fanno crescere questa generazione di giovani che vogliono spiccare il volo del sapere per raggiungere mete sempre più alte”. Queste le parole di Francesco Colaianni, assessore comunale alla cultura, nel suo intervento in occasione della prima edizione del “Farinato Day”, che ha registrato un successo di partecipazione al di sopra di ogni aspettativa. Una giornata, voluta e organizzata dal locale liceo scientifico, per onorare la figura e l’opera del medico-chirurgo Pietro Farinato, il medico dei poveri, a cui il liceo è stato intitolato sin dall’istituzione. La piazza San Cataldo e la chiesa hanno ospitato l’evento per gentile concessione del parroco don Giuseppe Rugolo il quale, prima di porgere il suo indirizzo di saluto, ha voluto ricordare Rocco Lombardo con un minuto di silenzio. Dopo i saluti di rito della dirigente scolastica, Anna Marmo, la manifestazione è entrata nel vivo con l’inno del liceo suonato e cantato dalla band dell’istituto con Manuela Lo Porto, Elea Latragna e Francesco Allacca. Sono seguite le letture, accompagnate da un sottofondo musicale di Diego Cucchiara, del “Giuramento di Ippocrate” antico e moderno a cura di Francesco Messina e Andrea Prestifilippo, precedute da una introduzione di Filippo Lo Presti, riguardante la deontologia del Codice d’Ippocrate. Un piacevole intermezzo d’intrattenimento artistico-musicale si è avuto, inoltre, con l’esibizione delle giovani ballerine Giorgia Millunzi e Melissa Russo e delle soliste Francesca Gitto e Miriam Longi, che hanno interpretato le coreografie di ‘mens sana in corpore sano’. Eleonora Falzone, Martina Mantegna, Helena Mazzola e Parisi Aurora hanno dato vita ad una piacevole esibizione di ginnastica artistica, preceduta da un momento musicale della band formata da Diego Cucchiara, Andrea Mancuso Catarinella, Alessia Li Muti e Giuseppe Salotta. Tutti i protagonisti delle performance, unitamente ai giovani presentatori del ”Farinato Day”, Salvatore Cacciato e Gaia Catalano, sono stati accomunati da un caloroso applauso. In chiesa, abbassate le luci, Federico Emma, medico pediatra e vice presidente del Comitato ennese della Società Dante Alighieri, ha calamitato l’attenzione dei ragazzi e dei presenti, con una conferenza sulla vita e l’opera di Pietro Farinato. Ha esordito dicendo che con l’intitolazione del liceo al medico-scienziato Farinato, Enna ha voluto onorare un concittadino con una personalità di grande rilevanza pedagogica ed educativa, oltre che di medico illuminato. È stato un uomo vocato alla carità e all’umiltà, oltre che di scienza, ha sottolineato Emma. A centodieci anni della sua morte la maggior fonte di notizie su questo medico, vissuto nella seconda metà dell’Ottocento, morto prematuramente all’età di 51 anni, resta la biografia che il fratello Albino pubblicò nel 1913, di cui una copia è conservata nella biblioteca comunale. Carità ed umiltà sembrano oggi valori desueti e fuori moda, sono stati invece alla base del percorso di vita di Pietro Farinato, un uomo di immensa generosità, oltre che medico di grande perizia professionale, che portò nella sua città, l’allora Castrogiovanni, una chirurgia moderna e innovativa”. Il dottor Farinato, medico condotto, fu nominato direttore​dell’Ospedale Umberto I sin dall’inaugurazione, avvenuta nel 1904, ed è da considerare il primo protagonista della rinascita dell’assistenza ospedaliera ad Enna. “Alla sua morte – ha concluso – tutta la città lo pianse, soprattutto i poveri che con dedizione e generosità aveva assistito gratuitamente, alle volte fornendo loro anche le medicine”. Un excursus sul percorso di vita familiare e professionale del Nostro è stato fatto da Emma con l’ausilio di slides proiettate su schermo. Prima della conclusione della manifestazione si è avuto l’intervento di Renato Mancuso, presidente dell’Ordine dei Medici, il quale ha detto: “il medico ricordato in questa celebrazione, oggi farebbe onore alla nostra professione, per i suoi valori umani e professionali”. È seguita la testimonianza della pediatra Gabriella Cucchiara, ex allieva dell’Istituto, sulla valenza del Liceo Scientifico Farinato di Enna, “vera fucina di giovani, da sempre distintisi nelle loro professioni”. Una poesia, con dedica a Farinato, scritta dall’ex docente Alberto Cacciato, è stata declamata, con bravura, dall’allievo dello stesso liceo, Samuele Ortoleva. In precedenza, nelle mani del capo di gabinetto Salvatore Grasso, la dirigente scolastica Anna Marmo ha consegnato una targa destinata al prefetto Giusy Scaduto, che frequentò il Liceo Scientifico Farinato. Altri doni sono stati consegnati da Federico Emma che ha omaggiato una copia della biografia di Pietro Farinato, scritta dal Fratello Albino nel 1913, per essere conservata nella biblioteca della scuola; dalla docente di filosofia dello stesso liceo, Lucrezia La Paglia, che ha dato alla preside Marmo un quadro con l’immagine di Farinato per essere esposto nei locali del Liceo, donato dall’Associazione Amici di Giovanni Salerno, suo sposo, cancelliere del tribunale di Enna, prematuramente scomparso, che perseguì valori di civismo. Hanno partecipato festosamente al “Farinato Day” numerosi studenti del liceo scientifico con i loro docenti (nella foto), insieme ad autorità scolastiche e cittadine. La dirigente Marmo ha concluso la manifestazione con i ringraziamenti finali rivolti a tutti i partecipanti, allievi e autorità intervenuti, e in particolarmente a Padre Rugolo, anch’egli docente del Liceo, che “ci ha aperto le porte di questo luogo sacro, che in avvenire potrà ospitare altri grandi eventi del nostro Liceo. Il nostro ringraziamento – ha concluso la preside – va ai docenti referenti Elisabetta Arena, Anna Rita Ferrarello, Patrizia la Biunda, Lucrezia La Paglia e Manuel Monasteri che si sono spesi, sin dall’inizio dell’anno scolastico, ad organizzare questo incontro”.

Salvatore Presti

Related posts

Leave a Comment