Paziente elogia il reparto di Ginecologia di Enna

Print Friendly, PDF & Email

“Mi chiamo Anna Maria Graffeo e sono una ragazza di Sciacca, e vorrei raccontarvi la mia storia.
A Ottobre del 2018 scopro di essere in attesa del mio secondo figlio, la gravidanza procede nei migliori dei modi fino a quando con il passare dei mesi, e dopo svariati controlli, mi viene riscontrata la placenta previa, una condizione a me sconosciuta prima di adesso, vengo subito messa a conoscenza da parte del mio ginecologo dei vari rischi a cui potevo andare incontro. Infatti, più passavano le settimane più aumentava la paura che qualcosa possa accadere, fino alla notte del 25 Aprile 2019, quando quel qualcosa si stava verificando, una emorragia non controllabile, da lì la corsa al Pronto Soccorso di Sciacca dove il medico di turno, dopo aver effettuato i controlli, si vede costretto, data la situazione, a disporre il trasferimento d’urgenza in un centro in grado di gestire meglio la mia situazione e provvisto di UTIN (Unità di Terapia Intensiva Neonatale), mi viene comunicato che sarei stata trasferita in elisoccorso all’Ospedale Umberto I di Enna. Da lì in poi è stato come entrare in un frullatore, prelievi, controlli ecografici, monitoraggi fetali anche durante il viaggio in elisoccorso.
Arrivo all’Ospedale Umberto I di Enna, a notte inoltrata tra paura e confusione, vengo immediatamente portata nel reparto di Ginecologia e Ostetricia dove la dottoressa di turno da subito cerca di rassicurarmi e con estrema professionalità controllava la situazione sia mia che del mio bambino. In questa fase del ricovero mi venne chiesto di quante settimane fossi, ed alla mia risposta di 29 settimane +1, vedo il suo sguardo e quello dei suoi collaboratori gelare, mi vengono fatti una serie di flebo per cercare di fermare l’emorragia; la dottoressa mi comunicava che, se l’emorragia si fosse fermata allora avremmo temporeggiato per il bene del bambino, altrimenti sarebbe stata costretta ad intervenire con un cesareo d’urgenza. Vengo trasportata in camera in attesa di capire come fosse andata, e per fortuna quella lunga notte si concluse con l’arresto dell’emorragia.
Il giorno successivo, ancora piena di paura per quello che era accaduto e che poteva accadermi da un momento all’altro, vedo entrare nella mia stanza un signore molto distinto dal camice verde che da subito mi ha rincuorata dicendomi che avrebbe fatto un’ulteriore visita per meglio capire la situazione evidenziando il fatto che ogni giorno in più sarebbe stato ottimale per lo sviluppo del bambino, quel signore dal camice verde di cui non sapevo il nome era il Dott. Giovanni Falzone, primario del reparto, un professionista ma anche una persona che senza farmelo capire aveva preso a cuore la mia situazione.
Tante le ecografie fatte con tutti i medici del reparto, tutte persone ma soprattutto professionisti veri e sempre disponibili; tutti continuavano sempre a dirmi e spiegarmi che era tutto fatto per cercare di fare crescere più possibile il bambino per evitare rischi, da lì giorni su giorni e paure che si susseguivano continuamente, fino alla sera del 20 Maggio quando ho sentito il ripresentarsi un’ulteriore emorragia che sembrava ancora più importante della prima. Suono immediatamente il campanello e, nel momento in cui comunico cosa mi stava accadendo, vedo tutti i medici di turno arrivare nella mia stanza, verificando la gravità della situazione con l’ecografo viene allertato il Primario, Dott. Falzone, che poco dopo arrivato in stanza, mi comunicava che vista la situazione ad alto rischio, non c’era più tempo e bisognava procedere con un cesareo d’urgenza, illustrandomi una situazione in cui potevo subire l’asportazione dell’utero e la riduzione della vescica perché la placenta oltre ad essere posizionata sul collo dell’utero era molto aderente all’utero, mi sono sentita crollare il mondo addosso, fidandomi della loro professionalità ho affrontato l’intervento.
Scesa in sala operatoria ho trovato un’intera equipe che mi aspettava, gran parte dei Ginecologi ed Ostetrici conosciuti nel lungo ricovero, e tra ansie e paure cercavano di rassicurarmi sul buon esito dell’intervento; i minuti passavano in maniera interminabile e nel momento in cui ho sentito il mio bambino piangere mi sono sentita meglio, ma per me il rischio non era ancora finito, infatti sentivo continuare l’intervento, e percepivo il lavoro complesso che il Dott. Falzone e la sua equipe stavano effettuando su di me, dopo circa due ore mi comunicavano che tutto era finito.
Riportata in stanza, trovo i miei familiari che parlavano con una delle dottoresse che avevano assistito all’intervento, che era felice del buon esito dell’intervento e gli stava comunicando che erano riusciti a far nascere il bambino, che era stato prontamente portato in terapia intensiva, ed a salvare sia l’utero e la vescica.
Per tutto questo sarò sempre grata a tutti i Ginecologi e, in primis, al dott. Giovanni Falzone, gli Ostetrici, Anestesisti ed Infermieri. Un ulteriore ringraziamento va a tutto il personale della Neonatologia dell’Umberto I di Enna che ancora ad oggi si prende cura del mio bene più prezioso, il mio bambino.
Grazie di Cuore
Anna Maria Graffeo

Related posts

Leave a Comment