Vallata di Muglia a Centuripe (En): Oikos fa ricorso contro la Soprintendenza e fa sapere che la discarica non altera il territorio perché luogo di transumanza.

Print Friendly, PDF & Email

Che la società Oikos stesse facendo le proprie mosse per costruire, comunque, la discarica nella Vallata di Muglia era noto ma che addirittura ricorresse al Tar contro il parere della Soprintendenza ha lasciato perplesse non solo le comunità che vivono intorno a Muglia ma tutto il mondo civile, gli storici, gli archeologi, le associazioni ambientaliste e non e tutti coloro che sono in grado di apprezzare la bellezza, unica e suggestiva, della vallata di Muglia.

Insomma, per OIKOS la discarica “Si deve fare” quindi si lavora a rimodulare il progetto, si fa ricorso al Tar e si manda a dire, tramite i legali, che “la discarica non altera il territorio perché è un luogo di transumanza”.

Anche le Crete Senesi sono luogo di pascolo e transumanza ma nessuno sogna di costruirci una discarica anzi, guai a chi le tocca!

Ma l’emergenza rifiuti in Sicilia facilita Oikos a realizzare comunque la discarica, quindi si fa il ricorso al Tar contro la Soprintendenza, nonostante il territorio sia uno dei più belli e incontaminati d’Italia, nonostante uno stuolo di intellettuali,  giornalisti e ambientalisti di tutta Italia abbiano firmato un manifesto in sua difesa, nonostante migliaia di cittadini abbiano firmato contro, nonostante autorevoli archeologi abbiano ritrovato reperti importanti, nonostante sorgerà a pochissimi chilometri da Catenanuova. Anche l’Assessore Sebastiano Tusa, il giorno prima della sua tragica scomparsa, aveva ribadito con una nota ufficiale che: “Non vi è in programmazione la realizzazione di alcuna discarica in contrada Muglia in territorio di Centuripe. L’area in questione è stata inserita come zona di tutela C nel piano territoriale paesistico ed è in istruttoria l’apposizione del vincolo ai sensi del codice dei Beni culturali e del paesaggio” e ancora, “da un’attenta analisi effettuata dalla Soprintendenza ai Beni culturali competente, Muglia è caratterizzata da rilevanti emergenze archeologiche e paesaggistiche e pertanto definita ad alto rischio archeologico. Lo spazio individuato per la realizzazione della presunta discarica, è una delle più dense aree di rinvenimenti archeologici della Sicilia centro-orientale, dove la presenza dell’uomo è attestata dall’età paleolitica e preistorica fino a quella post-medievale. Il tutto inserito in uno dei comprensori isolani più integri e incontaminati dal punto di vista naturalistico dove, la realizzazione di nuove strutture, arrecherebbe grave pregiudizio alle valenze paesaggistiche della zona”, ma tutto ciò non basta!

Nessuno ha mai negato che Muglia fosse una zona di pascolo, ma non bisogna dimenticare che costruirci una discarica significherebbe cacciar via allevatori e agricoltori che ci vivono e lavorano da millenni. Ma Muglia è anche altro! Basta dare un’occhiata alla ricchissima bibliografia per rendersene conto. Le poche e sporadiche campagne di scavo, eseguite nel corso degli anni, hanno portato alla luce reperti straordinari. Se fossero stati disponibili dei fondi per scavi più approfonditi si sarebbero potuti riempire i Musei di mezza Sicilia. Ma questi fondi non ci sono e quindi tutto sta sotto terra!

L’ultimo rilievo in superficie (verifica archeologica preliminare) commissionato dalla Soprintendenza, per esprimere il parere al progetto, ha riscontrato alti o altissimi rischi archeologici, proprio dove si vuole costruire la discarica.

Sebastiano Tusa conosceva molto bene l’archeologia centuripina; i più importanti archeologi sanno che Muglia è una miniera di tesori nascosti. Le campagne di scavo degli anni Settanta e Ottanta e quelle eseguite recentemente dal CNR di Catania, hanno messo in luce materiali di primissimo ordine, basti citare il Ritratto femminile di epoca neolitica, custodito nel Museo Archeologico Regionale di Centuripe che è, ad oggi, la più antica raffigurazione di un volto umano documentata in Sicilia! Scoperta che da sola basterebbe a far riflettere e soprattutto a promuovere tutta la vallata.

Insomma, sostiene qualcuno, si vuole bloccare un progetto solo perché sono stati ritrovati quattro cocci? Muglia non è solo archeologia, è bellezza paesaggistica unica e incontaminata; Muglia è antiche e gloriose miniere di zolfo; Muglia è masserie storiche; è terreno agricolo importante; Muglia è Centuripe, città gloriosa in epoca Ellenistica e Romana. Quindi il Presidente Musumeci e i suoi Funzionari si devono prendere la responsabilità di salvare questo territorio, territorio che attende il vincolo dal 1967 e che Sebastiano Tusa aveva avviato le pratiche per la sua tutela. 

Intanto il comitato No Discarica attende la risposta per un incontro da Musumeci, risposta che però tarda ad arrivare.

Related posts

Leave a Comment