ENNA: COMITATO PER IL PARCO URBANO: GLI ASSESSORI SPAMPINATO E CHIARANDA RISPONDONO

Print Friendly, PDF & Email

“E’ con stupore che leggiamo le considerazioni del “comitato per il parco urbano di Enna bassa” su “La Sicilia” di giovedì scorso a commento dell’incontro avvenuto nello scorso febbraio”. A parlare è l’assessore all’Urbanistica Angelo Spampinato che precisa che, in quell’incontro di febbraio, a nome della Giunta, gli assessori comunicavano che finalmente, dopo anni di embasse, si era dato avvio alla progettazione preliminare del Parco, atto propedeutico ed indispensabile per l’ottenimento di un qualsivoglia finanziamento teso a portare a compimento e realizzazione il polmone verde di Enna Bassa.

 In quell’occasione fu sottolineato come, in una situazione di difficoltà al reperimento delle risorse necessarie ad avviare la fase di progettazione, in uno alla volontà di fruire, valorizzandone la presenza, della disponibilità posta in essere da un protocollo di intesa tra la Facoltà di ingegneria Ambientale e Architettura dell’Università Kore e l’Amministrazione comunale, si era proceduto ad incaricare l’Università della redazione del progetto preliminare con il solo onere del rimborso delle spese vive .
“Appare, dunque, stupefacente – aggiunge Spampinato – il commento del Comitato che taccia “di scelte clientelare e negazione di  progettazione partecipata” allorquando l’Amministrazione sceglie di utilizzare la disponibilità di una siffatta risorsa culturale e di qualità progettuale tesa a valorizzare la fortunata condizione data dalla presenza nelle Città di facoltà universitarie che certamente garantiscono una capacità progettuale di assoluta qualità. Quale migliore democrazia e partecipazione allorquando la soluzione progettuale sarà figlia di una tale risorsa locale e magari oggetto di un apposito corso di progettazione che può vedere impegnati i tanti studenti, anche ennesi, oltre che avvalersi di pregevoli tesi di Laurea, oggetto di corsi di progettazione di anni precedenti”.
Tutto questo, secondo gli assessori era già stato esposto nell’incontro di febbraio nel corso del quale si era anche precisato che, propedeutico all’avvio della progettazione, era previsto un incontro aperto a “pezzi organizzati” della società ennese e, dunque, ai componenti del Comitato, per fornire le linee guida del tema progettuale.
“Il cui rispetto – dice l’assessore Angelo Chiarandà – sarà oggetto di un successivo incontro per valutare l’esito del progetto preliminare”.
“Non si capisce – conclude Spampinato – di quale scelta clientelare si parli ed ancora meno di “assenza di partecipazione” a meno che per partecipazione non si voglia intendere quella unica ed esclusiva dei componenti il Comitato”.
“A parere dell’Amministrazione – dice Chiarandà – torna in nessun modo utile e forse pretestuoso commentare in tal modo l’avvio di una fase che finalmente può portare a soluzione la realizzazione di una così importante attrezzatura della Citta”.

Related posts