ENNA: CITTADINANZATTIVA CHIEDE UFFICIALMENTE AL COMUNE E ALLA PROVINCIA LA DOCUMENTAZIONE INERENTE I CONTRIBUTI VERSATI ALLE CONFRATERNITE

Print Friendly, PDF & Email

E’ stata protocollata Giovedì 16 Aprile la richiesta di Cittadinanzattiva di accesso ad informazioni agli atti relativamente ai contributi erogati dal Comune e dalla Provincia di Enna in occasione della Settimana Santa. La nota, a firma del Coordinatore di Cittadinanzattiva, Ing. Francesco Stranera, e del Responsabile del Collegio dei Procuratori dei Cittadini, Avv. Arturo Barbarino, è stata indirizzata oltre che al Sindaco ed al Presidente della Provincia anche ai Presidenti dei due Consigli, comunale e provinciale.

Nella nota in questione i due responsabili dell’associazione, criticano la scelta effettuata dal Collegio dei Rettori di Enna di non aver svolto, il Venerdì Santo, la consueta processione per le vie della città, procurando tanta delusione ai turisti ed ai cittadini presenti e vanificando  anche i sacrifici economici delle Amministrazioni che hanno contribuito con soldi pubblici alla realizzazione della suddetta manifestazione.
“Tale ultima decisione”, commentano i due responsabili, “ossia quella di annullare la più grande e sentita manifestazione religiosa della città, doveva essere anche assentita dalle Amministrazioni che hanno da sempre sostenuto le manifestazioni della Settimana Santa ad Enna, e che oltre all’aspetto altamente religioso delle stesse, contribuiscono a fornire un sostegno economico alle attività commerciali e produttive  della città.
Ebbene, tutto questo non è avvenuto, anzi la città e direi tutta la nostra provincia hanno subìto un grave danno economico e di immagine. E’ mancata in questa occasione la giusta e dovuta organizzazione della manifestazione in quanto era del tutto prevedibile la possibilità di pioggia nelle prime ore del pomeriggio di giorno 10 Aprile, così come era altrettanto prevedibile, consultando le previsioni meteo, la possibilità che alle ore 19:00 circa, orario in cui inizia in genere la processione del Venerdì Santo, smettesse di piovere.
Sappiamo che il Collegio dei Rettori elegge al proprio interno un Consiglio di Amministrazione dei Rettori, che ha anche il compito di organizzare le manifestazioni della Settimana Santa e che per tale motivo, a nostro avviso, farebbe bene a dimettersi per primo in quanto è mancata nell’occasione la dovuta organizzazione!”
Considerato quindi che la manifestazione conclusiva del Venerdì Santo non è stata svolta come da programma, con notevole dispendio di soldi pubblici e danno all’immagine della città, i due responsabili di Cittadinanzattiva, riservandosi di avviare le azioni ritenute più opportune per la tutela e la salvaguardia di interessi collettivi, hanno richiesto all’Amministrazione comunale e provinciale di conoscere: 1) le modalità, l’entità ed i soggetti ai quali è stato concesso il contributo per lo svolgimento della manifestazione della Settimana Santa ad Enna; 2) l’entità dei contributi già liquidati e quelli ancora da erogare; 3) se si intendono liquidare ai soggetti responsabili della manifestazione somme non ancora erogate, ovvero se si prevede di avviare azioni di tutela per il recupero delle somme già erogate considerato il grave danno economico e d’immagine subito dai commercianti, dalla città di Enna e dall’intera provincia; 4) se da ora in avanti si intende continuare a contribuire con soldi pubblici alla realizzazione di manifestazioni di notevole importanza e di ritorno d’immagine per questa nostra città e provincia senza avere le stesse Amministrazioni la possibilità di decidere in merito all’organizzazione ed allo svolgimento delle stesse.

Related posts