ENNA: CONDANNATA L’ARCHEOLOGA MARIA COSTANZA LENTINI, DIRETTRICE DELLLA VILLA ROMANA DEL CASALE

Print Friendly, PDF & Email

Il Giudice del lavoro del Tribunale di Enna, il 27 aprile scorso, ha depositato il decreto con il quale riconosce il comportamento antisindacale della Dr. M. C. Lentini, direttrice della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina, dei legali rappresentanti dell’Assessorato Regionale BBCCAA e del rispettivo Dipartimento BBCCAA ed E.P. Il ricorso era stato presentato dal Segretario Generale della CGIL-FP di Enna, Mimmo La Spina, in quanto la Direttrice della Villa ha emesso un provvedimento, dichiarato illegittimo, con il quale di fatto ha impedito ad un dirigente CGIL-FP, Salvatore Roccaforte, di esercitare la libera attività sindacale. Con il provvedimento di condanna il Giudice ha ordinato la pubblicazione della sentenza

e il pagamento per intero delle spese processuali, che ammontano ad € 1.650,40. Roccaforte si augura che tutti i dirigenti entrino nell’ottica di gestire la cosa pubblica secondo le regole del diritto anziché agire, dalla loro poltrona, come se dovessero elargire privilegi.
Mimmo La Spina, segretario Generale della CGIL-FP, conclude esprimendo soddisfazione per il risultato ottenuto e, nel contempo, amarezza per la constatazione che, sempre più spesso, il tempo e il danaro della Pubblica Amministrazione vengono impiegati per far fronte a futili ed inconsistenti motivi piuttosto che utilizzarli con efficienza a vantaggio della collettività e del territorio.

Related posts