LEONFORTE: IL SINDACO BONANNO ESPRIME RAMMARICO PER LO SCIOPERO DEI LAVORATORI DI SICILIA AMBIENTE

Print Friendly, PDF & Email

Esprimo profondo rammarico e contrarietà per la decisione dei dipendenti di Sicilia Ambiente di proclamare lo sciopero e di conseguenza bloccare le attività inerenti la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nel nostro comune causando forti disagi che possono pregiudicare la igienicità e quindi la salute dei cittadini. Pur comprendendo il disagio dei lavoratori che da diversi mesi non percepiscono lo stipendio, ritengo che questo sia il momento meno opportuno per le loro rimostranze in considerazione della delicata fase che sta attraversando la stessa società in un contesto generale in cui il Collegio Liquidatore dell’ATO e l’Assemblea dei Sindaci con i Consigli Comunali sono impegnati nel difficile compito di trovare

 le soluzioni adeguate per far ripartire il sistema e garantire, per quanto possibile, i livelli occupazionali. In questo senso l’Amministrazione e il Consiglio Comunale di Leonforte hanno dimostrato grande senso di responsabilità nell’approvare il piano tecnico-economico e finanziario predisposto dagli uffici comunali che non mettono in discussione le unità operative necessarie per lo svolgimento del servizio nel comune. Ecco perché ritengo impropria ed irresponsabile, se non ricattatoria, l’azione intrapresa che colpisce e danneggia prima di tutti i cittadini leonfortesi e pregiudica il decoro della nostra città rendendola sporca.
Auspico, pertanto, altrettanta responsabilità da parte dei lavoratori di Sicilia Ambiente, che rappresentano una minima parte degli operatori ecologici a Leonforte, per non esasperare gli animi dei cittadini e degli amministratori leonfortesi che si spendono, con grande sacrificio per le casse comunali, per garantire un servizio ottimale.
Non mancherò, come ho fatto fino ad ora, di farmi portavoce nelle sedi opportune di tutte le problematiche inerenti l’argomento chiamando in causa quanti hanno l’obbligo di attenzionare e risolvere il problema, a cominciare dall’Assemblea Regionale che non legifera sull’argomento, dal Governo Regionale che latita e dalla Provincia che deve assumere un ruolo di protagonista in questa vicenda che rischia di travolgerci tutti e di farci rivivere situazioni già riscontrate in altre regioni del sud come la Campania.
A tutti i cittadini, scusandomi per i disagi, si richiede la massima comprensione e collaborazione in questo particolare momento che mi auguro possa essere superato il più presto possibile.

 

Related posts