PIAZZA ARMERINA: ATTIVITA’ DI SERVIZIO DEL NUCLEO OPERATIVO E RADIOMOBILE E DELLE STAZIONI LOCALI

Print Friendly, PDF & Email

1.A piazza armerina arrestato un pregiudicato, agli arresti domiciliari, trovato fuori dall’abitazione; 2. A pietraperzia durante una perquisizione domiciliare denunciato per coltivazione e  detenzione di sostanze stupefacenti un operaio  trovato in possesso di due piante di canapa indiana coltivate in un vaso:. 3.A pietraperzia denunciato per guida in stato di ebrezza un’ automobilista che aveva avuto un incidente stradale autonomo. A seguito dell’analisi del sangue trovato con un tasso alcolemico pari a 1,54 gr/l. (oltre tre volte quello consentito)  4.A piazza armerina operati, da parte dell’aliquota radiomobile,  numerosi controlli stradali nel corso del fine settimana. Contestate 20 contravvenzioni

 al c.d.s. con sequestri di veicoli e ciclomotori. 5.Segnalati all’a.g. due coppie di genitori che non hanno assicurato la frequenza scolastica obbligatoria prevista per i ragazzi fino al compimento dei 16 anni di eta’.

1. I Carabinieri dell’ Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto nella giornata di ieri 14.06.2009 il pregiudicato MILAZZO Fabio Cateno di anni 27 di Piazza Armerina. Durante uno dei controlli operati su tutti i soggetti a vario titolo sottoposti a misure detentive presso la propria abitazione il MILAZZO non è stato trovato a casa. Un rapido giro nei pressi dello stabile ne ha consentito il rintraccio mentre cercava di nascondersi alla vista dei militari dietro una panchina. Ha giustificato la sua assenza di casa dicendo che sentiva caldo e che aveva sentito il bisogno “ di prendersi una boccata d’aria” ;
2. Duranti alcuni controlli e perquisizioni domiciliari eseguite dall’aliquota operativa di Piazza Armerina in collaborazione con la Stazione di Pietraperzia un operaio, T.V. di anni 31 è stato trovato in possesso di un vaso, occultato dentro la casa, con due piante, in piena crescita, di canapa indiana. L’operaio è stato denunciato per coltivazione e detenzione di stupefacenti.
3. Il Comando Stazione  di Pietraperzia ha denunciato all’A.G. ” P.B.” di anni 37. Lo stesso qualche settimana fa era rimasto coinvolto in un incidente stradale durante il quale aveva perso il controllo della propria vettura finendo contro un guard –rail e riportando lievi ferite. Le condizioni dell’uomo, che appariva sicuramente scosso e frastornato a seguito dell’incidente non hanno completamente convinto i carabinieri che hanno richiesto all’ Ospedale di effettuare opportuni esami di carattere alcolemico sul ferito. Tali esami hanno evidenziato un’alcolemia pari a 1,54 grammi/l, oltre tre volte il valore consentito. L’uomo è stato denunciato all’A.G. per guida in stato di ebbrezza. La multa, di competenza della Procura, prevede una sanzione fino da Euro 1.500 fino ad Euro 6.000 e la sospensione della patente da uno a due anni. 10 (dieci) i punti /patente immediatamente tolti all’automobilista.
4. I servizi di controllo alla circolazione stradale eseguite nel corso delle ore serali e notturne del fine settimana hanno portato all’identificazione di numerose  persone e veicoli. Sono stati elevate 20 contravvenzioni al C.d.S., con il fermo amministrativo di cinque ciclomotori i cui rispettivi conducenti, tutti minorenni, guidavano senza indossare il casco. Un’autovettura è stata sequestrata poiché sprovvista di copertura assicurativa.. Ritirati una carata di circolazione per omessa revisione. Sempre elevato il numero degli automobilisti trovati alla guida senza indossare la cintura di sicurezza.-
5. Le Stazioni di Piazza Armerina e Aidone alla verifica finale circa il controllo presso tutti gli istituti scolastici hanno segnalato all’A.G. due coppie di genitori, ritenuti responsabili di non aver curato la normale frequenza dei propri figli di anni 14 presso gli Istituti Scolastici dove erano iscritti.. Gli stessi si uniscono ad una decina di coppie di genitori già segnalati nel corso dell’anno scolastico allorché i rispettivi Istituti ne hanno comunicato l’ omessa presentazione o la frequenza insufficiente. Il controllo su tale tipo di comportamento avviene con costanza, con la piena collaborazione delle Istituzioni scolastiche al fine di limitare o eliminare del tutto il triste fenomeno dell’abbandono o della dispersione scolastica.-   

 

Related posts