INTERVISTA AL SINDACO DI ASSORO AD UN ANNO DAL SUO INSEDIAMENTO. “IL MIO COMUNE E’ STATO UNO DEI PRIMI AD APPROVARE IL PIANO FINANZIARIO PROPOSTO DA SICILIA AMBIENTE”

Print Friendly, PDF & Email

Il 17 giugno del 2008 si insediava nel palazzo comunale di Assoro il nuovo sindaco Avv.Pino Capizzi, dopo aver conseguito una storica vittoria sul candidato di centro sinistra, alleanza che governava il comune da ben 15 anni con alterne vicende e due diversi sindaci. Ci pare doveroso chiedere all’avv. Capizzi un bilancio seppur provvisorio della sua  amministrazione in questo anno. UN’anno di intenso e proficuo lavoro nell’interesse della collettività. Un’attività amministrativa svolta in piena sintonia con tutta la giunta comunale, i cui assessori hanno attenzionato le varie problematiche inerenti le loro deleghe e conseguendo risultati positivi ed efficaci. Uno dei punti fondamentali dell’attività amministrativa, consiste nel riordino dei tributi comunali,

 che a seguito della revoca della concessione per gravi inadempienze alla società cui era stato conferito l’incarico, la gestione è stata assunta direttamente dagli uffici comunali che a tal uopo si sono attrezzati lodevolmente attraverso una riorganizzazione dell’intero sistema di prelievo. In atto la mia amministrazione sta per definire la rimodulazione della dotazione organica al fine di rendere la macchina amministrativa e la burocrazia comunale quanto più efficiente possibile in ragione dei programmi che si intendono portare a termine. L’impegno che ci eravamo prefissi era di aprire le porte del Palazzo alla nostra gente senza distinzione di colore politico o di appartenenza, con grande sacrificio e spirito di dedizione, crediamo di aver raggiunto tale primario obiettivo e riteniamo di aver  dato una nuova immagine dello amministratore più consona alle aspettative della popolazione amministrata.

La mia giunta è formata di tutti giovane promesse,dotati di grande preparazione e una straordinaria voglia di fare, ma l’esperienza amministrativa ed il rapporto  con la burocrazia locale certamente doveva essere costruito e sperimentato sul campo, ritengo che con  la grande volontà del fare anche questo obiettivo sia stato centrato. Dopo quindici anni di amministrare in un certo modo la stessa burocrazia risentiva di una certa incrostazione che si è cercato con equilibrio e buona volontà reciproca di recuperare ad una più stretta  e fattiva collaborazione con la  mia amministrazione, ritengo di poter affermare che anche questo obiettivo è stato centrato.

 

Per quando riguarda la problematica della gestione dei Rifiuti solidi urbani qual’è stata l’azione della sua giunta.

La situazione generale delle ATO è a tutti nota,il livello di degrado che si è raggiunto è qualcosa di inimmaginabile , le soluzioni che di  volta in volta vengono proposte si risolvono o meglio non si risolvono con adeguate e calibrate soluzioni, il disastro causato è sotto gli occhi di tutti i cittadini e non si può pretendere  che chi ha prodotto tutto ciò  se ne lavi le mani, il paradosso è che oggi chi rema contro è proprio chi ha prodotto tale stato di cose, ammantandosi di un certo vittimismo e scaricando su altri le proprie evidenti responsabilità, magari con qualche cartellone propagandistico, in tale quadro ritengo di aver messo in essere tutte quelle iniziative possibili,  e con  orgoglio dico che Assoro rimane una oasi pulita. Ritengo che il vero problema vada inquadrato e risolto nell’immediato invitando i cittadini a fare il proprio dovere pagando il giusto dovuto, anche applicando un incentivo che favorisca  tale soluzione.  Tutte le varie  articolazioni anche di carattere legislativo competono ad altri organismi. Il mio comune è stato uno dei primi ad approvare il piano finanziario proposto da Sicilia Ambiente  modificandolo e accogliendo le proposte del Consiglio Comunale, dovendo registrare mio malgrado, durante tale seduta la “ fuga “ di un nutrito numero di consiglieri della maggioranza consiliare e non solo. Conseguentemente  ho approvato per l’anno in corso le relative tariffe. Ovviamente facendo riferimento al regolamento in vigore.  E’ a tutti  noto che le finanze degli Enti locali sono ridotte all’osso,  ritengo sia necessario  attivarsi perché possano essere impinguate con entrate nuove e originali,cioè fare di molte povertà una ricchezza, in tal senso  sto cercando di mettere in campo alcune iniziative che se dovessero andare in porto potrebbero dare una boccata d’ossigeno alle  disastrate casse comunali.

 

Durante la campagna elettorale  si faceva spesso riferimento al ruolo che la cultura doveva avere nella sua gestione, con quali iniziative concrete ha rispettato questa parte del suo programma.
 
Pur con le prevedibili difficoltà di bilancio, a proposito voglio sottolineare che quest’anno il  bilancio è stato  predisposto ed approvato entro i tempi previsti dalle vigenti disposizioni di legge. Dicevamo abbiamo riesumato dal limbo del dimenticatoio e della mortificazione la manifestazione Assoro Arte che ha riscosso un notevole successo di partecipazione ed abbiamo nel contempo istituito il premio Elio Romano  ed intitolando il parco urbano  allo stesso illustre cittadino.
Abbiamo istituito la 1^ mostra regionale collettiva di arte contemporanea,  che si è svolta nella Sala Consiliare e nel già ristrutturato convento Santa Maria  degli Angeli, con la partecipazione di  un centinaio di pittori ,scultori poeti,miniaturisti, musicisti, artigiani lavoratori del tombolo, musicisti e fotografi, assorini, della provincia e oltre che hanno riscosso un notevole successo di visitatori oltre che di consenso. Altre manifestazioni  di presenza giovanile si sono incentivate e svolte al solo scopo di valorizzare il nostro patrimonio artistico, ambientale  e culturale oltre che lanciare un messaggio di presenza nel mondo del turismo  e della cultura e dello sport  nella nostra isola. In tutto ciò si è cercato di coinvolgere  il mondo della scuola e giovanile in genere.

 

La cultura, lo sport, il turismo,  e quanto altro detto va bene ed il mondo del lavoro e dei lavori pubblici in genere, che cosa ci può dire.

Qualcuno pensava che dopo di lui il diluvio, non è stato così, anche in questo campo ci si è rimboccato le maniche e ci siamo messi subito al lavoro.
Ci siamo preoccupati  di creare un contatto diretto con le varie realtà produttive del nostro Comune andando molto spesso nei luoghi di produzione e ci siamo resi conto delle varie realtà esistenti con le problematiche  che  gravavano sugli  opifici. Ci siamo dichiarati disponibili alla collaborazione fattiva e propositiva,  e con alcuni di esse abbiamo avanzato ipotesi di lavoro che possano portare ad una collaborazione futura, come quella di inserire il logo di Assoro su tutti i prodotti che  vengano dal nostro territorio.
Si è cercato di risolvere e ci siamo riusciti il grave empas per l’avvio dei lavori della strada cosiddetta di “Rassoara”  con  il recupero di una stortura  procedurale, che non era cosa da poco, e che solo  con l’impegno e la volontà politica dell’Assessore Regionale ai Lavori pubblici è stato possibile superare.
Abbiamo nel limite delle nostre possibilità supportato il lavoro dei tecnici e delle maestranze per il prosieguo dei lavori in corso  nella via Crisa nella via Balzo e nella Piazza Mercè,superando anche in questo caso notevoli difficoltà operative.
Abbiamo dovuto affrontare  un pesantissimo inverno con le limitatissime disponibilità finanziarie del nostro bilancio ed abbiamo avviato le procedure per la partecipazione, con due notevoli progetti,ai bandi per la ristrutturazione dei centri storici di Assoro e della Frazione S. Giorgio.
Sul piano dell’urbanista è allo studio in atto la riproposizione dei vincoli nel PRG, vincoli che non erano stati riproposti  all’orchè  il consiglio approvò il piano della zona artigianale e per questo  non siamo potuti entrare nel paino di finanziamento dello stesso varato dall’Assessorato  Regionale competente, con un evidente danno per il comune.

Molte altre iniziative sono state portati avanti sia sul piano della formazione che sul piano della attività socio – assistenziale, ma di questi parleremo magari una altra volta. “Mi preme sottolineare in questa sede con soddisfazione che gli elettori ed i cittadini tutti ci hanno premiato nelle recenti elezioni  europee assegnando alla coalizione un notevole suffragio elettorale”.

Related posts