PIAZZA ARMERINA: L’ASSESSORE TUDISCO ALZA LA VOCE. “I LAVORI ALLA VILLA PROCEDONO CON TROPPA LENTEZZA”

Print Friendly, PDF & Email

“Adesso basta. I lavori alla Villa dovranno procedere più speditamente. Di questo passo il danno al turismo provinciale sarà incalcolabile”. Fabrizio Tudisco, assessore provinciale al turismo ed alla cultura, vuole mettere la parola fine alla querelle sui lavori alla villa romana del Casale. Forte della nuova delega alla cultura acquisita questa settimana, Tudisco alza la voce sulla lentezza con la quale procedono i lavori di restauro nel sito patrimonio dell’umanità. “Ho potuto constatare personalmente che i lavori procedono talmente a rilento da mettere in serio pericolo la prossima stagione turistica dell’ennese. Devo registrare con immenso rammarico che qualcuno non è all’altezza della situazione.

 Ho personalmente appurato – anche durante la visita con la delegazione cinese – che i lavori procedono disordinatamente. Le erbe sono state alte fino a stagione inoltrata, la maggior parte delle stanze sono chiuse mentre a lavorare ci sono solamente pochissimi operai, la copertura ancora in opera è quella vecchia del Minissi. Ci vuole – dice Tudisco – un impegno forte. Dobbiamo dimostrare di essere al passo con i tempi. Faccio appello a tutti gli attori, dall’alto Commissario Vittorio Sgarbi, al direttore dei lavori Guido Meli ed alla soprintendenza ai Beni culturali. Se i lavori non verranno conclusi in tempo sarà un fallimento per tutti noi, per il nostro territorio e per il nostro turismo. Abbiamo gli occhi del mondo puntati addosso e non possiamo fallire. Per quanto ci riguarda la provincia con in testa il presidente Pippo Monaco è disponibile ad ogni forma di confronto per favorire e facilitare i processi di conclusione dei lavori nel sito”. Infine, il neo assessore alla cultura della provincia ennese lancia una frecciatina al vecchio assessore al turismo Titti Bufardeci accusato di non aver valorizzato appieno le risorse culturali ennesi durante il suo mandato “Vedo che la regione siciliana e tutti i suoi apparati burocratici ci trattano come una provincia di serie B. Il vecchio assessore regionale al turismo Tutti Bufardeci ha solamente fatto proclami. Non ha mai parlato ne messo in atto azione sui beni dell’ennese. Ha speso un sacco di quattrini solo per la promozione turistica del siracusano. Spero – continua Tudisco – nel nuovo assessore Nino Strano non continui sulla stessa strada di Bufardeci ma possa dare una seria accelerata al movimento turistico ennese”.

 

Related posts