PROGETTO GIOSEF ENNA “FIND LEGENDS” –LETTONIA

Print Friendly, PDF & Email

Si terrà in Lettonia, da sabato 1agosto a martedi 11 agosto, il progetto internazionale “Find Legends” promosso dal circolo Giosef Enna. Il circolo consta di centinaia di associati universitari e non e fa parte della rete nazionale Giosef Italy che è presente in otto regioni d’Italia con più di tremila iscritti. Il progetto vedrà, oltre al gruppo italiano composto da ragazzi e ragazze di tutta Italia, anche partecipanti portoghesi, bulgari, sloveni e lettoni. Le attività saranno tutte rivolte alla conoscenza reciproca dei partecipanti, che in totale saranno 35, sulla base di dibattiti, workshop e role-plays che contribuiranno alla costruzione di un puzzle unico, attraverso la conoscenza

e la riscoperta di culture diverse dalla nostra, attraverso un percorso itinerante, dal sud al centro, al nord della Lettonia.
L’organizzazione ospitante sarà l’associazione “Zemgale NGO support centre” in collaborazione con “NGO Password” che da anni lavora in Lettonia organizzando diverse attività locali (culturali, sportive e turistiche), che recentemente ha intrapreso dei contatti con il circolo internazionale Giosef in particolare con l’associazione ennese.
“Prenderanno parte al progetto giovani provenienti da diverse parti della Sicilia: Enna, Palazzolo Acreide, Gela, Lentini; il gruppo è compatto e composto da giovani motivati, preparati e con tanta voglia di farsi conoscere e soprattutto di conoscere.
I partecipanti ennesi saranno Marco Severino, Ilario Floresta e Michela Gioveni, quest’ultima leader dello scambio che dichiara:”Sarà sicuramente un’esperienza positiva e di crescita, sia personale che di gruppo. Questo progetto rappresenterà, non solo un’occasione per prendere coscienza di similitudini e  differenze tra le culture dei gruppi partecipanti, ma anche una concreta opportunità per creare nuove reti di contatto e collaborazione con realtà non ancora presenti nella realtà Giosef. Il modo migliore, insomma, per allargare i nostri orizzonti e far si che i pezzi del puzzle si uniscano e si incastrano tra di loro, per costruirne uno unico e solido, perché -Cultura vuol dire poter guardare le cose dal punto di vista di un altro-”.

 

Related posts