VILLA ROMANA DEL CASALE: INDIVIDUATE E CONTRAVVENZIONATE QUATTRO PERSONE CHE SVOLGEVANO ABUSIVAMENTE L’ATTIVITA’ DI GUIDA TURISTICA

Print Friendly, PDF & Email

Proseguono da parte dei Carabinieri i controlli presso il sito della Villa Romana del Casale. Questa volta unitamente ai Carabinieri di Piazza Armerina al Comando del Cap. Michele Cannizzaro sono intervenuti anche i loro colleghi del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Palermo al Comando del Cap. Giuseppe Marseglia. Principale obiettivo del controllo il dilagante fenomeno delle guide turistiche abusive, cioè dell’attività di guida turistica effettuata da persone non autorizzate o non iscritte nell’elenco regionale delle guide autorizzate ad operare in Provincia di Enna. Nella rete dei controlli eseguiti nei confronti di tutte le guide che operavano in quel momento all’ interno della Villa Romana

 del Casale sono cadute quattro persone, tre originarie dalla provincia di Palermo ed una della provincia di Messina, che ponendosi alla testa di gruppi di 30 -35 turisti, molti di origine francese ed inglese, sono state viste effettuare l’attività di guida turistica risultando in ultimo sprovvisti dell’autorizzazione ad operare nella provincia di Enna.
Un vasto giro di irregolarità che va avanti probabilmente da molto tempo e che comporta, tra le altre cose, anche la perdita di occupazione e di potenziale reddito da parte dei molti soggetti autorizzati originari della zona di Piazza Armerina e paesi vicini che non vengono contattati dalle agenzie di viaggio che trovano verosimilmente più conveniente servirsi di altri soggetti non in possesso delle autorizzazioni previste.
In applicazione della Legge Regionale 08/2004 che disciplina lo specifico settore ai soggetti trovati ad operare abusivamente è stata elevata una multa di Euro 3.000 ciascuno. Ulteriori accertamenti sono in corso sul conto delle società ed agenzie turistiche che ne avevano richiesto l’opera professionale.
Nel frattempo le pattuglie in uniforme del Comando Compagnia hanno proceduto al controllo di tutta la zona esterna al sito bloccando un parcheggiatore abusivo ed un venditore ambulante di frutta privo di autorizzazione ad operare tra gli stand che vendono souvenir e ceramiche.
Al primo è  stata comminata la prevista multa di 709 Euro, mentre per il secondo una multa di 308 Euro oltre al sequestro della merce  che era posta in vendita, circa 75 Kg. di frutta di vario genere, che in applicazione della Legge sul commercio è stata sequestrata ed in quanto deperibile è stata immediatamente devoluta in beneficenza alle comunità assistenziali di giovani ed anziani presenti sul territorio comunale ed indicate dall’Ufficio del Sindaco di Piazza Armerina.
I controlli volti a garantire una maggiore legalità e rispetto delle norme anche agli occhi delle migliaia di turisti che ogni anno frequentano il sito archeologico della Villa Romana del Casale saranno ulteriormente aumentati e proseguiti-

Related posts