COORDINAMENTO PROV.LE COMITATI CITTADINI ENNESI SU COSTO DELL’ACQUA

Print Friendly, PDF & Email

L’ATO idrico di Enna riunitosi in assemblea il 26 maggio scorso ha approvato le nuove tariffe per la quota fissa ed i consumi dell’acuqa per l’anno 2009. La giustificazione della manovra, così come si legge nella lettera a firma del Presidente della Provincia, azionista al 50% dell’ATO, è poter agevolare le famiglie meno abbienti (mod ISEE inferiore a 9.000 €) e le famiglie numerose (componenti familiari almeno 5). Abbiamo cercato di capire tale manovra, intanto nei numeri, e facendo dei confronti su consumi ipotetici, abbiamo constatato che la manovra è fasulla. Infatti, le famiglie meno abbienti, con consumi ipotetici di mc 200 risparmieranno in un anno circa 3 €uro, le famiglie

numerose subiranno aumenti che si aggirano intorno al 15%, i nuclei normali aumenti del 20% e le altre utenze aumenti anche del 40% (vedi bar, ristoranti, lavanderie, ecc.). Destinatari delle agevolazioni possono comunque essere solo il 5% massimo delle utenze domestiche e cioè solo 3415 famiglie su un potenziale di nuclei agevolabili di ben 30.000, tanti quanti sono gli ISEE inferiori a 9.000 €uro rilasciati nell’anno 2008 dall’INPS. In fondo, un destinatario a cui vanno le agevolazioni c’è e questo è ACQUAENNA, gestore privato di un servizio essenziale.
Infatti, solo per l’aumento della quota fissa nelle utenze domestiche, al gestore andranno circa 3 miliardi delle vecchie lire  all’anno con un aumento del 118%, mentre con l’aumento della prima fascia di consumo per le utenze domestiche, ACQUAENNA introiterà oltre 200 milioni delle vecchie lire all’anno con un aumento di oltre il 5%.
Nel riservarci in separata sede un approfondimento legale della delibera che ha visto coinvolti il Presidente della Provincia e tutti i Sindaci, alcune domande e alcune riflessioni sorgono spontanee:
1) perché la delibera del 26 maggio non è stata resa nota subito agli utenti ?
2) perché nessuno dei soci (presenti o assenti: ci riferiamo ai Sindaci e al Presidente della Provincia) non ha fatto trapelare niente all’esterno?
3) perché le decisioni dell’ATO non vengono pubblicate sul sito dello stesso ATO, in modo da rendere più trasparente la gestione?
4) quanto spende l’ATO idrico e di conseguenza gli utenti, per la gestione del sito internet?
5) infine, se ACQUAENNA è aggiudicataria di una gara  (peraltro non ci è dato sapere se il ricorso presentato in sede amministrativa dalla ditta esclusa dalla gara è ancora pendente), quali sono i meccanismi  e le norme contrattuali  applicate dall’ATO che vanno esclusivamente a favore del gestore privato? 
In un momento come questo caratterizzato da una totale sfiducia verso le istituzioni da parte della gente, è giusto che si faccia chiarezza e si risponda a delle domande che tutti quanti ci poniamo.

COME VARIA IL COSTO DELL’ACQUA IN PROV. DI ENNA ALLA LUCE DELLA DELIBERA DEI SINDACI DEL 26/05/2009.

            Famiglia numerosa*
                                          Consumi Mc. 200                            Consumi Mc. 300
 2008 2009 2008 2009 
Costo 221,80 250,20 341,80 394,20 
Fognatura   18,00   20,00  27,00   30,00 
Iva   22,98   27,02  36,88   42,42 
Totale 252,78 297,22 405,68       466,62 
Depurat.   50,00   56,00   75,00         84,00 
Iva     5,00 5,60     7,50      8,40 
Tot. Compl 307,78      358,82 488,18  559,02 

     *le famiglie numerose subiscono un aumento del 20% circa.

                                 Utenza Debole Mc. 200                      Utenza Domestica Mc.200              Ut. non Dom mc.40
 2008 2009 2008 2009 2008 2009
Costo 211,80 201,06 211,80  258,74 66,00 100,00
Fognatura    18,00   20,00   18,00   20,00   3,60     4,00
Iva   22,98   22,11   22,98   27,87   6,96   10,40
Totale 252,78 243,17 252,78  306,61 76,56 114,40
Depurat.   50,00  56,00   50,00    56,00  10,00   11,20
Iva     5,00   5,60     5,00     5,60    1,00     1,12
Tot. Compl 307,78       304,77 307,78  368,21  87,56 126,72
 
    – l’utenza debole,destinataria della delibera, non subirà aumenti e guadagnerà ben 3€ l’anno!!!!!!
    – la famiglia normale subisce un aumento del 20% circa.

Altre utenze*
                                                          Mc. 40                                                    Mc. 200
 2008 2009 2008 2009  
Costo 74,00      123,80       251,60      349,80  
Fognatura    3,60 4,00 18,00  20,00  
Iva  7,76        12,78 26,96 36,98  
Totale 85,36      140,58       296,56     406,78  
Depurat. 10,00        11,20  50,00 56,00  
Iva   1,00          1,12    5,00   5,60  
Tot. Compl 96,36      152,90 351,56 468,38  

    * i commercianti, gli artigiani, i professionisti e gli operatori commerciali in genere subiscono un   
    aumento dal 50%  al 30% circa.

IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA: QUANTO INCASSERA’ IN PIU’ ACQUAENNA CON LA DELIBERA DEI SINDACI DEL 26/05/2009?

Utenze residenti:  n.68.300          destinatari agevolazione: n. 3415 famiglie

INCASSI ACQUAENNA QUOTA FISSA SOLO UTENZE DOMESTICHE

Nel 2008: N. 68300 utenze x € 20,00 =                                €  1.366.000,00

Nel 2009: N.  utenze (68.300 – 3415) x € 45,00 =           €   2.919.825,00

N. utenze 3415 x € 20.00                    =           €        68.300.00

Totale Incasso Q.F.                             €   2.988.125.00

Differenza        +  €   1.622.125.00              +   118 %

 

INCASSO PER CONSUMI 1° FASCIA

 

Nel 2008:  N. 68300 x Mc. 44 x € 0,65 =                        € 1.953.380.00

Nel 2009:  N.(68300 – 3415) x mc 44 x € 0,72 =            € 2.055.556.80

             
Differenza          + € 102.176.80                + 5,2 % 

I sindaci con a capo il Presidente della Provincia hanno fatto una delibera non a favore delle famiglie meno abbienti e numerose, ma solo ed esclusivamente a favore di Acquaenna, ente privato gestore del servizio idrico.

COMPLIMENTI A TUTTI!!!!!!!!!!!!!!!!!

Related posts