ASP ENNA: PROGETTO SMOKE FREE CLASS. FUMO STOP SALUTE AL TOP

Print Friendly, PDF & Email

Si è tenuto a Sperlinga (EN) il 29 ottobre 2009 presso la Chiesa San Domenico del Castello medievale il workshop COSTRUIRE STILI DI VITA SANI – Il progetto Smoke Free Class competition – Bilancio e Prospettive. Un evento formativo, organizzato dal Ser.T. di Nicosia con il patrocinio dell’Assessorato Regionale della Sanità e del Comune di Sperlinga. Sostanzialmente due sono stati gli obiettivi specifici principali, che hanno orientato lo svolgimento del workshop: la valutazione dello stato di attuazione del progetto funzionale al miglioramento della sua qualità e il lancio della campagna per la sua promozione per il corrente anno scolastico 2009/10 FUMO STOP SALUTE AL TOP.

 Dopo il caloroso saluto del Sindaco avv. Giuseppe Matarazzo e delle autorità presenti, è intervenuta la dott.ssa Giuseppa Savoca, direttore del Servizio Dipartimentale Dipendenze Patologiche dell’ASP di Enna, che ha evidenziato l’importanza strategica della prevenzione e della promozione della salute nell’ordinaria attività dei tre Ser.T.aziendali e, in quest’ambito, del progetto Smoke Free Class promosso dal Ser.T. di Nicosia. Ha, altresì, rilevato la piena concordanza del neo Direttore Generale dell’ASP dott. Nicola Baldari che ha fortemente sostenuto l’iniziativa e del quale ha portato i saluti.
 Il prof. Ignazio Furnari, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “Dante Alighieri” di Nicosia, ha risaltato tra i tanti aspetti positivi del progetto il ruolo attivo degli alunni coinvolti ed il valore aggiunto che viene dato dal gruppo-classe in quanto gruppo di pressione che orienta i pari ad assumere comportamenti positivi per la salute. Esprime apprezzamento, anche a nome dei colleghi e del C.S.A. che rappresenta, per la positiva e costruttiva collaborazione tra Scuola e Sanità.
 La dott.ssa Rossella Cuccì, assistente sociale coordinatrice operativa del progetto, ha curato la sua illustrazione, evidenziandone le novità, in particolare l’ampliamento del target agli alunni di prima media, e i dati analitici relativi all’anno scolastico 2008/09, che ha visto il coinvolgimento di 162 classi per un totale complessivo di 3500 alunni di seconda e terza media e del primo e secondo anno delle scuole secondarie. 
 Il dott. Michele Parisi, dirigente psichiatra responsabile del Ser.T. di Nicosia, ha evidenziato che è dall’anno scolastico 2002/03 che il progetto europeo Smoky Free Class  si realizza nella nostra Regione con un interesse sempre più crescente degli operatori scolastici. Il Ser.T. di Nicosia è referente regionale del progetto, coordinato a livello nazionale dalla Fondazione Zancan di Padova. Ha evidenziato che il progetto è stato considerato dal Centro Prevenzione e Controllo delle Malattie del Ministero della Salute quale progetto da diffondere nella fascia d’età 12-16 anni, stante la sua efficacia per la sua capacità di prevenire il tabagismo, capacità peraltro certificata dall’Istituto Cochrane, che valuta il progetto in questione tra i più efficaci a livello internazionale.
 Il dott. Salvatore Cacciola, dirigente sociologo responsabile dell’U.O.E.S.A. di Catania, nonché presidente dell’Osservatorio Mediterraneo onlus, si è soffermato su alcune originali esperienze realizzate dall’Osservatorio nei Comuni di Francofonte e Lentini, nell’ambito dei quali è stato implementato il progetto Smoke Free Class, che ha consentito di arricchire sul piano qualitativo l’offerta informativo-formativa complessiva soprattutto in direzione di approcci centrati sulla metodologia della peer education. Ha, tra l’altro, evidenziato come l’inglobamento dei fondi del D.P.R. 309/90 finalizzati alla lotta alla droga nel fondo più generale della legge 328/2000 stia portando alla cancellazione dei progetti relativi. Ha chiesto all’on.le Leanza, presente all’iniziativa – in questo senso col pieno accordo dei presenti –  di farsi promotore di un’iniziativa parlamentare finalizzata alla verifica preventiva dei Piani di Zona, gran parte dei quali non prevedono la realizzazione di progetti per la prevenzione delle dipendenze patologiche, e l’eventuale ridefinizione prima della loro approvazione definitiva entro il prossimo 31 dicembre. L’on.le Leanza ha assicurato la propria attenzione al problema.
  

 Il dott. Giuseppe Serrafiore, dirigente sociologo del D.S.M. dell’ASP di Enna, facendo riferimento ad alcune esperienze implementate in alcune Scuole del Distretto di Agira in collaborazione con la dott.ssa Maria Rosaria Cifalà, dirigente pedagogista del Centro Ascolto di Leonforte,  ha  evidenziato quanto sia importante caratterizzare i progetti di prevenzione in senso educativo, contestualizzandoli e integrandoli nelle ordinarie prassi educativo-didattiche dei docenti. In questo senso, ha sottolineato che il progetto Smoke Free Class dimostra di essere più efficace, laddove si sviluppano azioni integrate tra  docenti, genitori, operatori dei servizi socio-sanitari, che mirano a rendere gli alunni protagonisti attivi in un’ottica di peer education e di lavoro sociale di rete. Ha, inoltre, rilevato per stigmatizzare una certa tendenza attuale, caratterizzata da una domanda/offerta di interventi-spot centrati in modo pressoché esclusivo sull’informazione dissuasiva, che fanno riferimento a modelli di prevenzione del passato che si sono rivelati inefficaci, se non addirittura controproducenti.
 Sollecita, quindi, i presenti al dibattito, che ha visto intervenire diversi docenti e dirigenti scolastici, i quali hanno presentato le loro esperienze, le gratificazioni e le difficoltà che incontrano nel loro quotidiano rapporto educativo-didattico con gli studenti e i gruppi-classe. Hanno posto ai relatori domande e problemi, che hanno consentito un aperto e produttivo dialogo tra operatori della Sanità e della Scuola.
 A conclusione del workshop i circa 60 partecipanti hanno potuto apprezzare la locale buona cucina nella cornice suggestiva del Castello Medievale.  Il tutto grazie alla generosa accoglienza Comune ospitante.

Related posts