PROVINCIA REGIONALE DI ENNA: PIANI INTEGRATI DI SVILUPPO TERRITORIALE. FIRMA DEL PROTOCOLLO D’INTESA

Print Friendly, PDF & Email

“E’ una grossa opportunità economica che non possiamo perdere. Occorre un lavoro corale che punti alla realizzazione di progetti di interesse sovracomunale in grado di mettere in rete servizi per più realtà territoriali. Da parte nostra eserciteremo un ruolo di coordinamento e metteremo a disposizione le nostre professionalità per rispettare la tempistica e per garantire una adeguata assistenza tecnica”. E’ stato questo in sintesi il messaggio del Presidente della Provincia, Giuseppe Monaco, ai sindaci che hanno preso parte al tavolo tecnico convocato dall’Ente per discutere  e programmare le linee strategiche necessarie per partecipare alla nuova misura economica approvata dalla Giunta regionale

  lo scorso 29 ottobre.  Si tratta di finanziamenti europei  previsti nell’Asse VI “ Sviluppo urbano sostenibile” nell’ambito del FESR 2007/2013 . E’ una misura che privilegia la riqualificazione urbana, ma anche l’ambiente, il turismo e il settore energia e che quindi vede interessati in prima linea i comuni. Si andrà a realizzare una coalizione territoriale che dovrà promuovere i Piani integrati di sviluppo territoriale ( PIST) e i  Piani integrati di sviluppo urbano (PISU) necessari per partecipare alla procedura negoziale di selezione delle progettualità. E’ stato un confronto ampio che ha permesso di chiarire e di indicare quale dovrà essere il percorso da seguire per proporre una valida idea progettuale in grado di competere per l’assegnazione dei finanziamenti . L’assemblea ha individuato Piazza Armerina come comune capofila dell’iniziativa che assieme alla Provincia regionale e al comune capoluogo farà da interfaccia con la Regione siciliana. Il prossimo appuntamento è stato fissato per il 25 novembre per la firma di un protocollo d’intesa da inoltrare alla Regione. Sarà poi un comitato ristretto di tecnici che dovrà tradurre le indicazioni politiche in progettualità di sviluppo del territorio. Entro il 31 gennaio l’assemblea dovrà presentare lo schema di massima del PIST e del PISU.  

Related posts