RISCHIO IDROGEOLOGICO PENDICI DI ENNA. LA PREFETTURA ORGANIZZA INCONTRO PROGRAMMATICO PER LA STRADA PROVINCIALE N° 28

Print Friendly, PDF & Email

Si è tenuta in data odierna presso la Prefettura-UTG di Enna, d’intesa con il Dipartimento Regionale di Protezione Civile che era presente con il Dirigente Generale Ing. Salvatore Cocina, una riunione, presieduta dal Prefetto dr.ssa. Giuliana Perrotta, per fare il punto sullo stato delle indagini geologiche e del progetto preliminare dell’importante arteria S.P.n. 28 di Enna, che come è noto è stata chiusa alla circolazione stradale già dall’inizio dell’anno 2008 a causa del crollo di alcuni piloni per le problematiche connesse al delicato sistema idro-geologico delle pendici cui insiste l’importante arteria.
Hanno partecipato, il Sindaco di Enna Dott. Rino Agnello assistito dall’Ing. Capo Salvatore Roberti,

 l’Assessore della Provincia Regionale ai Lavori Pubblici dott. Filippo Faraci assistito dagli Ing. Colajanni Giuseppe, Ing. Nino Castana, Dr. Caliri Angelo, L’ing. Capo del Genio Civile Vincenzo Di Rosa, i rappresentanti del Provveditorato Interregionale OO.PP. Geom. Amato Carlo e Geom. Severino Giovanni, il Dirigente del Servizio Regionale del Dipartimento di Protezione Civile Architetto Conte assistito dal Vice Dirigente Arch. Roberto Vigore.
Nel corso dell’incontro i presenti nel concordare con il Prefetto sulla necessità di una immediata presentazione degli elaborati al fine di consentire al Dipartimento Regionale di Protezione Civile un impegno finanziario adeguato alla riapertura dell’importante arteria, hanno concordato su:

• La costituzione di un tavolo tecnico, coordinato dall’Ing. Di Rosa, dell’Ufficio del Genio Civile,  per le problematiche connesse al parere di compatibilità geomorfologica ed al vincolo derivante dal P.A.I.;
• La indizione, da parte della Provincia Regionale, entro una settimana dalla data odierna, di una riunione tecnica, con tutti gli Enti interessati, per l’acquisizione di pareri preliminari sul progetto redatto dalla stessa;
• La valutazione dei costi sulla possibilità di realizzazione dell’opera sullo stesso tracciato esistente attraverso sistemi di messa in sicurezza e/o demolizione e ricostruzione;
• Un incontro con i Dirigenti dell’Assessorato Regionale Territorio Ambiente al fine dell’acquisizione di un parere preliminare sull’opera, per gli aspetti relativi al P.A.I..

Si è, infine, definita, la necessità di ottenere quanto anzidetto entro una settimana dalla presente riunione al fine di consentire immediatamente dopo un incontro con tutti i convenuti ove presentare il progetto preliminare.
Il Direttore Generale del Dipartimento Regionale di Protezione Civile ha comunicato che sono state già reperite le risorse necessarie per la realizzazione dell’intervento viario e della contestuale messa in sicurezza dell’area nell’ambito della programmazione regionale della Presidenza della Regione.

Related posts