PIAZZA ARMERINA: ARRESTATI DUE GIOVANI PIAZZESI, SORPRESI MENTRE FUGGIVANO DOPO AVER RUBATO OLTRE 60 LITRI DI GASOLIO DAL SERBATOIO DI UN PULLMAN DELLA SOC. ETNA TRASPORTI.

Print Friendly, PDF & Email

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Piazza Armerina nel tardo pomeriggio del 23.12.2009 hanno tratto in arresto in flagranza di reato di furto aggravato, due giovani piazzesi , DI DIO CIANTIA Cristian, di anni 20, già con precedenti penali per furto aggravato ed ALBERTI CALAMARO Fabio, di anni 32, commerciante. Una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile stava effettuando un controllo in C.da Sollazzo di Piazza Armerina dove vengono parcheggiati i pullman delle Aziende di Trasporto pubblico, quando ha rilevato la presenza del DI DIO CIANTIA Cristian che alla vista dell’auto dei Carabinieri ha tentato di allontanarsi velocemente a bordo di una Fiat Tempra S.W.

 Nello stesso tempo anche l’ALBERTI CALAMARO Fabio veniva notato allontanarsi a bordo di un’altra autovettura posta poco distante. Bloccato il DI DIO CIANTIA a bordo dell’auto venivano rinvenuti due grossi bidoni di plastica da 30 litri ciascuno che erano stati poco prima riempiti fino all’orlo con del gasolio che era stato prelevato dal serbatoio dì un pullman della Soc. Etna Trasporti di Catania, nonché un altro bidone pronto per essere riempito ed un tubo di gomma utilizzato per il prelievo del carburante. Accanto ai bidoni veniva ritrovato anche un piede di porco con il quale era stato forzato lo sportello chiuso a chiave posto a protezione del tappo dello stesso serbatoio.

Dopo aver condotto in caserma il DI DIO CIANTIA la stessa pattuglia si metteva alle ricerche del secondo soggetto fuggito, riconosciuto nell’ALBERTI CALAMARO che veniva rintracciato appena qualche minuto dopo in Piazza Marescalchi. Anche lo stesso veniva immediatamente condotto in caserma

Gli accertamenti successivamente esperiti permettevano di evidenziare che l’auto sulla quale si stava allontanando il DI  DIO CIANTIA era riconducibile proprio al complice ALBERTI CALAMARO che stava sul posto con funzione di “palo”.

Entrambi venivano pertanto dichiarati in arresto per il reato di furto aggravato e possesso di arnesi atti allo scasso e condotti presso la Casa Circondariale di Enna a disposizione del Magistrato di Turno, Dott. Calogero FERROTTI Procuratore Capo della Repubblica di Enna.

Nel corso della giornata del 26.12.2009 presso il Tribunale di Enna si è tenuta l’udienza di convalida. L’arresto veniva pertanto convalidato. Per il DI DIO CIANTIA Cristian, già con precedenti penali, il Giudice Dott. Pasqualino Bruno ha disposto, per il momento, gli arresti domiciliari, mentre per l’ALBERTI CALAMARO Fabio è stato disposta la scarcerazione in attesa del processo che si terrà nei prossimi mesi

Il gasolio asportato è stato restituito ad un incaricato dell’Azienda proprietaria del pullman.

I Carabinieri proseguono pertanto nei servizi di vigilanza e controllo del territorio per assicurare alla cittadinanza un periodo di serene festività .

Related posts