IL SINDACO NIGRELLI CHIEDE AL PRESIDENTE DELL’ATO IDRICO MODIFICHE AL REGOLAMENTO VIGENTE SULLA RATEIZZAZIONE DEGLI ARRETRATI

«In considerazione della difficile congiuntura economica che colpisce sia le famiglie che le imprese, ribadendo che, in ogni caso, il pagamento del servizio idrico integrato è atto dovuto da parte degli stessi,  Ti chiedo di voler portare in approvazione degli organi competenti l’introduzione, nel vigente “Regolamento  delle tariffe idriche per le utenze deboli”, di una norma transitoria attraverso la quale si possa consentire l’accesso alla  rateizzazione anche alle famiglie che, indipendentemente dal reddito, abbiano accumulato un debito superiore a 2.000,00 euro, ed alle ditte ed imprese.» Così il Sindaco Fausto Carmelo Nigrelli in una lettera inviata il 16 febbraio al Presidente della Provincia e presidente dell’ATO 5 Giuseppe Monaco.

«Vale la pena di sottolineare – aggiunge Nigrelli nella nota – che tale intervento deve essere tempestivo,  considerato che in molti comuni della provincia si stanno già effettuando i distacchi delle utenze dei morosi, molti dei quali hanno manifestato la volontà di saldare il debito ma la temporanea impossibilità a provvedere  in un’unica soluzione.»

La norma richiesta avrebbe una funzione transitoria in quanto si potrebbe applicare solo al debito accumulato dal 2005 ad oggi, mentre “a regime” viene sottolineata la necessità di pagare regolarmente i consumi idrici.

Nei giorni scorsi il Sindaco aveva incotrato il segretario dei Cobas Luigi Bascetta che aveva chiesto l’emissione di un’ordinanza di sospensione dei distacchi imposti ai morosi da Acquaenna, ma gli uffici della Segreteria generale del Comune, dopo avere approfondito la questione, hanno ritenuto che non esistono i presupposti poer l’emissione di un’ordinanza dal momento che «l’istituzione degli Ato [idrico e rifiuti] ha determinato una “destrutturazione del potere comunale” nell’ambito della gestione del servizio idrico e delle attività di raccolta dei rifiuti».

About Post Author