ENNA: CONSIGLIO PROVINCIALE INCANDESCENTE. IL CAPOGRUPPO DEL PD CHIEDE L’IMMEDIATO AVVIO DEGLI APPALTI PER LA VIABILITA’ PROVINCIALE

Print Friendly, PDF & Email

Si è svolto ieri sera tra insulti, grida ed incomprensioni un consiglio provinciale congiunto tra i comuni di Valguarnera, Aidone e Piazza Armerina, che in maniera univoca hanno deciso di affrontare il problema viabilità, ed avere delle risposte dall’amministrazione Monaco. RIsposte che anche ieri sera non sono arrivate poichè il Presidente  era a Roma per cercare di trovare i finanziamenti necessari per il rifacimento della viabilità provinciale.  Diversi gli interventi dei consiglieri dei tre comuni che hanno deciso dopo poco tempo di abbandonare l’aula in segno di protesta nei confronti dell’amministrazione provinciale. Anche gli stessi consiglieri provinciali hanno criticato l’assenza di programmi per cercare di risolvere un problema

cruciale come quello della viabilità delle strade ridotte ormai quasi a mulattiere di campagna. Per il consigliere Granata “questa maggioranza non ha nessun progetto politico, e la volontà di rinviare la seduta, dimostra apertamente l’intenzione di non volere affrontare il dibattito”.

Per Sebastiano Nicastro “sarebbe opportuno parlare non solo di viabilità sulla sp4 ma discutere anche dello stato di degrado di tutte le strade a partire da quelle che interessano la zona nord che a causa delle ultime piogge rischiano il completo isolamento”. Nicastro parla quindi della sp21, sp22 Agira-Gagliano, sp22 bis Gagliano Troina Sp 18 Agira Nicosia la sp121 Enna – Leonforte

Per il consigliere Stefano Mendola “Siamo ormai alla frutta. Assistiamo giornalmente alle beghe politiche di una maggioranza divisa su tutto e ormai incapace di amministrare”

Mentre per il  consigliere Lupo il dovere di affrontare subito la problematica non è legato solo ad un reciproco rispetto tra istituzioni ma soprattutto tra cittadini.

Mario Barbarino

Questa la dichiarazione del Gruppo Consiliare del PD

PREMESSO  -che la Provincia di Enna è una provincia prevalentemente montana, caratterizzata da una olografia del tutto particolare che rende difficili i collegamenti  tra i diversi centri abitati, soprattutto nel periodo invernale a causa delle nevicate e delle abbondanti piogge; -che i collegamenti tra i diversi centri abitati della Provincia vengono assicurati prevalentemente mediante la rete stradale dell’ANAS d della Provincia; -che la Provincia Regionale di Enna è proprietaria  di una vastissima rete stradale suddivisa in strade provinciali, strade di bonifica e strade regionali, che si estende per circa 2000 km; -che il livello di manutenzione di detta rete stradale è praticamente inesistente ed assistiamo alla quotidiana chiusura di strade provinciali in seguito a frane e smottamenti in una situazione che ormai non è esagerato considerare di grave emergenza;

ATTESO

•    che tale grave situazione è confermata dal fatto che da un sommario esame risultano chiuse o impraticabili  le seguenti strade:  la SP 28 Panoramica, in seguito al crollo delle campate, la  SB 15 (Torre), la SR 1 Scioltabino, la SP 4 la SP 78, Barrafranca- Ramata, la SP 147 Donna Betta, la SP 12 Diga Olivo, la SP 64 Scarlata e la SP. 31 S.Giovanni, la SP 95 e 96, la SP 21 Pietraperzia CL, la SP 18, 21 e 22 Agira Nicosia, la SP 62 Leonforte, la SP 81 e 81 bis Villarosa, la SR 9 e la SB 8 e 9,
•    che addirittura nella SP 80 dove risiedono ed esercitano l’attività circa quaranta allevatori, gli stessi sono stati costretti a tassarsi per effettuare le manutenzioni minime che consentano loro di recarsi in azienda ad accudire gli armenti;

CONSIDERATO

•    che gli appalti inerenti le somme concesse dal Governo Prodi per la viabilità provinciale non sono ancora stati avviati;
•    che nonostante tale situazione non è stata ancora attribuita la delega alle infrastrurre e viabilità, rimasta libera dopo le dimissioni dell’Assessore Faraci;
•    che la rete stradale statale risulta parimenti deficitaria in quanto anche  l’ANAS non procede alla manutenzione della propria rete viaria, o lo fa in misura ininfluente;

Tanto premesso e considerato ai sensi dell’art. 10 del regolamento per il funzionamento del Consiglio Provinciale si chiede la convocazione straordinaria ed urgente dello stesso per dibattere sulla grave situazione viaria della provincia di Enna ed assumere le conseguenti iniziative che consentano:

1)    di procedere alla manutenzione e conseguente riapertura delle principali strade Provinciali chiuse, interrotte o impraticabili;
2)    di avviare con celerità gli appalti inerenti le somme concesse dal Governo Prodi per la viabilità provinciale, ammontanti a circa 40 milioni di euro;
3)    di avviare con celerità la progettazione e gli appalti per il ripristino della SP 28 Panoramica;
4)    di procedere con immediatezza alla nomina dell’Assessore  alle infrastrutture e viabilità;
5)    di intervenire presso il Compartimento ANAS affinchè proceda alla manutenzione e riapertura delle strade statali chiuse.

I Consiglieri Provinciali:

Alloro Mario
Bannò Mimmo
Buscemi Paolo
Castoro Pippo
Costanza Francesco
Musumeci Ninì
Notararrigo Salvo

Related posts