APPELLO DEI GIOVANI DEL PDL AI GIOVANI DI ENNA

Print Friendly, PDF & Email

Consapevoli del fatto che il voto dei Giovani risulterà decisivo anche nel secondo turno sentiamo il dovere di appellarci ai nostri coetanei affinchè orientino il proprio voto dalla parte di colui che vuole realmente sostenere le esigenze e le istanze tipicamente giovanili. La qualità della vita dei giovani rappresenta un indicatore affidabile rispetto al sentiero di civiltà che una comunità vuole affrontare. Anche per questo nel programma del candidato sindaco Moceri sono presenti numerosi punti relativi al sostegno e al recupero delle politiche giovanili sport e tempo libero che rappresentano il perno centrale attorno al quale ruota un nuovo metodo di gestione delle priorità e delle risorse in relazione alle diverse categorie generazionali. In sintesi tra gli interventi sono previsti, l’adozione di strumenti ed agevolazioni mirate ai giovani e gruppi anche in forma associata,che producono cultura e socialità;la realizzazione di un Centro Polifunzionale Giovanile;il ruolo attivo del Comune per prestiti d’onore per progetti di lavoro a singoli giovani o gruppi che possano riguardare anche servizi comunali;sostegno all’imprenditoria giovanile nel campo del turismo, convenzioni per la gestione di camping e ostelli della gioventù ed infine l’istituzione di una consulta giovanile-studentesca per l’elaborazione di progetti culturali e l’organizzazione di eventi. Il fine che vogliamo contribuire a raggiungere è quello di superare la mancanza di opportunità che spingono i giovani ad allontanarsi dalla loro Città. Come movimento giovanile non ci tireremo indietro e saremo pronti a supportare Angelo Moceri in questa battaglia di affermazione sociale. E’ giunto inoltre il momento di voltare pagina rispetto ad un sistema di clientele e di nuove schiavitù, di cui l’altro candidato sindaco è indiretta espressione, che mortifica il merito e soffoca la nostra intraprendenza e originalità in vari settori in primis quello lavorativo. Noi giovani infine,dobbiamo essere i primi a non dare il voto a chi utilizza la nostra Università come bottega o segreteria politica e non come risorsa per un serio sviluppo del nostro territorio. Questa volta un vento di cambiamento e di rinnovata speranza consentirà alla nostra città di tornare ad essere libera e di sorridere al futuro.

Mirko Cannata
Coordinatore Giovane Italia
Movimento giovanile Pdl

Related posts