MONUMENTI CHIUSI AD ENNA: UNA NOSTRA LETTRICE LANCIA MESSAGGIO AL SINDACO PAOLO GAROFALO

Print Friendly, PDF & Email

Sono una cittadina Italiana mi chiamo Paola e risiedo a Salerno, Domenica mi sono recata presso la mia citta’ dorigine(Enna) a trovare alcuni amici e parenti, una gita di un giorno e malgrado questa ondata di caldo volevo visitare, non solo i musei e le varie Chiese della citta’ ma anche il Sacrario dei Caduti in Guerra, che tra altro tengo pure le spoglie di un fratello di mia madre, ritengo che sia una situazione vergognosa che una famiglia si avventura con questo caldo per trovare i propri cari che non ci sono pia’, e trovo spesso e continuo le Chiese e i musei compreso il Sacrario chiuso. Mi rivolgo a chi e’ di competenza , al sig. Sindaco della citta’ di Enna e chiedo che questi luoghi di culto rimangono nel giusto orario aperti, affinche i visitatori possano portare un cero votivo o un fiore a chi e’ scomparso molti anni fa, ma anche avere la possibilita’ di visitare alcuni monumenti che la citta’ possiede. Non so a cosa e dovuta questa chiusura di questi monumenti , pero’ non ritengo giusto, che parenti che vengano da fuori trovano tutto sbarrato , nel lontano 2008 sono stata la prima a reclamare perche una settimana prima della ricorrenza dei defunti , ho trovato questo luogo di culto chiuso, e ho fatto presente questa situazione al Sindaco di Enna , che, dopo un paio di giorni lo ha fatto riaprire. Mi chiedo il perche tenere un luogo di culto chiuso? Da cosa dipende tutto cio’? Mi affido a questa attestata giornalistica affinche possa esporre un forte messaggio e una spinta affinche gli organi competenti si adoperano , e dare la possibilita’ a chi viene da fuori di visitare non solo musei ma anche Chiese ma soprattutto la Chiesa di S. Chiara (Sacrario).

Related posts