DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE SULLA COMPOSIZIONE DELLE COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI

Print Friendly, PDF & Email

In merito alle recenti polemiche relative alla composizione delle Commissioni Consiliari permanenti il Presidente del Consiglio, Enrico Vetri, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Credo opportuno chiarire, innanzi tutto, che il criterio utilizzato tiene essenzialmente conto della necessità di garantire la giusta rappresentatività dei gruppi consiliari all’interno delle Commissioni Consiliari, tenendo altresì necessariamente conto della loro composizione numerica”. “ In secondo luogo – spiega il Presidente Vetri – si è tenuto conto degli apparentamenti effettuati dalle forze politiche oggi rappresentate in Consiglio Comunale a sostegno dei vari candidati alla carica di Sindaco che risultano essere: 17 consiglieri collegati all’attuale sindaco Garofalo, 9 consiglieri collegati al candidato Moceri e 2 consiglieri alla candidata Montalbano”. “Tenuto conto di questi due elementi – continua Vetri – appare chiaro che i gruppi consiliari a sostegno di Garofalo sono rappresentati con quattro componenti in tre commissioni e cinque componenti in una; i gruppi collegati alla candidatura di Moceri hanno diritto a due rappresentanti in tre commissione e tre rappresentanti in una; in ultimo i consiglieri collegati alla candidatura dell’avv. Montalbano trovano posto in due commissioni con un componente ciascuna”.
“Raffrontando questi elementi di equilibrio e rappresentatività con le segnalazioni effettuate dai capigruppo consiliari – chiarisce il Presidente del consesso civico – si è reso necessario, al fine di garantire il quorum di sette componenti per ogni commissione e la relativa rappresentatività uniforme in tutte le commissioni stesse, effettuare alcuni spostamenti, considerato che le commissioni 3^ e 4^ vedevano un surplus di segnalazioni a fronte di minori segnalazioni relative alla 1^ commissione”.
“In tutto questo – conclude il Presidente Vetri – non si è voluto, in alcun modo, sminuire il ruolo dei capigruppo o forzare il principio di rappresentatività ed equilibrio con atteggiamenti autoritari, distanti anni luce dal mio intendere la politica ed il ruolo istituzionale che ricopro. Al contrario si è lavorato per garantire a tutti i gruppi consiliari un’uniforme rappresentanza nell’ambito delle commissioni consiliari permanenti”.

Related posts