INCONTRO ITALIA-RUSSIA DEL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI

Print Friendly, PDF & Email

“Il processo di integrazione e cooperazione internazionale passa dal confronto e dal dialogo tra giovani cittadini che, tanto oggi quanto in futuro, si troveranno a individuare spazi comuni di rapporti economici, sociali e di sviluppo. Questo è stato il primo di numerosi scambi tra i due Consigli Nazionali,  che permetteranno di rendere più forti i rapporti tra giovani Russi e Italiani.” Questa dichiarazione di Lorenzo Floresta – vicepresidente della Commissione Esteri del Forum Nazionale dei Giovani e partecipante all’incontro di Roma – segue al comunicato stampa pubblicato su diverse testate giornalistiche del quale si inoltra una copia: “Si è concluso, l’incontro ufficiale tra il Forum Nazionale dei Giovani e il rispettivo organo russo, il National Youth Council of Russia, sabato 5 giugno 2010. Temi di discussione: il rapporto tra i giovani e il mondo del lavoro, l’universo del volontariato, dell’impresa e dell’immigrazione. Un incontro che ha portato alla firma, presso il Ministero della Gioventù—, di un protocollo di intesa, che prevede per i prossimi anni progetti di cooperazione strutturata tra i due consigli nazionali della gioventù— e la richiesta di un impegno maggiore sui temi delle politiche giovanili ai rispettivi governi e alle rispettive istituzioni nazionali. Nel seminario della durata di tre giorni si è focalizzata la possibilità e la volontà di avviare e promuovere la collaborazione tra gli enti mediante meeting e momenti di confronto dando vita a una progettualità comune. Attenzione all’attività imprenditoriale giovanile, venerdi 4 giugno durante l’incontro dei giovani russi con i giovani di Confindustria in cui si è evidenziato come uno degli elementi fondamentali del Forum Nazionale dei giovani Russi, quello di stimolare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro attraverso anche progetti di imprenditoria giovanile. Il Forum Nazionale Giovani si costituisce nel 1992 con decreto presidenziale con l’intento di promuovere e sviluppare politiche attive al mondo dei giovani e dell’infanzia. Principali attività dell’organizzazione: cooperazione con gli organi legislativi; interazione con l’esecutivo delle politiche giovanili; preparazione di seminari formativi e di tirocinio; pubblicazione di dossier inerenti alla condizione giovanile e infantile.”

Related posts