DUE ARRESTATI DALLA GUARDIA DI FINANZA COLTIVAVANO PIANTE DI MARIJUANA IN UNA CASA VIDEOSORVEGLIATA

Print Friendly, PDF & Email

Avevano trasformato una casa del centro storico di Centuripe in una piccola azienda agricola, pure tecnologicamente ben attrezzata. Solo che la produzione era di piante di cannabis indica, il vegetale da cui si ricava per essiccazione la sostanza stupefacente “marijuana”.   Il proprietario dell’immobile, A.R. di anni 53 nato e residente a Centuripe, unitamente ad altro soggetto V.C. di anni 29 residente nella stessa abitazione, ma nato in Romania, avevano predisposto una piccola serra artigianale per la coltivazione dello stupefacente munita di tutte le caratteristiche per ovviare alle difficili condizioni meteorologiche imposte dall’area geografica di residenza.  Lampade alogene complete di trasformatore per regolare l’intensità di luce e schermature per direzionare il calore, ventilazione forzata e termometro al mercurio, il tutto in maniera tale da ricreare le migliori condizioni per una più celere e redditizia crescita delle piantine. Per completare l’opera anche un sistema di video-sorveglianza esterna.

Sono state proprio le telecamere, notate dai Finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Enna in servizio di controllo del territorio e repressione del traffico  di sostanze stupefacenti, unitamente a strani movimenti che avvenivano nei dintorni dell’abitazione, ad insospettire i militari che hanno così subito attivato indagini, appostamenti ed accurate attività di riscontro.

Nei giorni scorsi quindi la perquisizione dell’abitazione, dove le Fiamme Gialle hanno trovato e sequestrato 22 piante in fase di accrescimento in vaso e 45 grammi di canapa indiana già essiccata e pronta per la vendita ed il consumo, nonché 81 semi di cannabis selezionati per i successivi interramenti.

Gli stupefacenti e tutta l’attrezzatura sono stati posti sotto sequestro mentre per il proprietario dell’immobile e il soggetto rumeno si sono aperte le porte della Casa Circondariale di Enna, ove sono stati accompagnati su disposizione del Procuratore della Repubblica di Enna.

Related posts