CROLLA IL SOFFITTO DI UNA CELLA ALLA CASA CIRONDARIALE DI ENNA

Print Friendly, PDF & Email

“Nonostante gli appelli di aprire la nuova struttura, nulla è stato ancora fatto,e così i rischi per il personale di polizia penitenziaria aumentano di giorno in giorno continuando ad essere mortificato dal direttore inadempiente, tant’è che stamani è giunta notizia che l’altra notte nella cella di un bagno del primo reparto è venuto giù il soffitto, e solamente per una mera fatalità non si sono registrati danni a persone che in quel momento erano all’interno della propria cella e non nel bagno” questo il grave atto di accusa di Filippo Garofalo, segretario nazionale del Sindacato OSAPP. Il sindacalista aggiunge: “Si sconoscono ancore le cause, ma non è escluso che questo sia dovuto alle cospicue infiltrazioni d’acqua piovana e dai tubi dell’acqua interrati ormai fradici con perdite d’acqua in quantità elevata”. Intanto per giorno 27 “strumentalmente” – continua Garofalo – siamo stati convocati dalla direzione per una contrattazione sindacale,ma ciò ci interessa poco, perchè vogliamo fatti e non parole,e pertanto giorno 28 ottobre alle ore 11 manifesteremo ugualmente nella piazza adiacente la Prefettura, fino a quando non verrà aperta la nuova struttura e il “direttore finirà di mortificare il personale e l’Osapp,iniziando dal rispetto e dalle corrette relazioni sindacali, dando al personale ciò che gli spetta partendo dalla dignità, dalla pari opportunità, dall’anticipo delle missioni e dal rispetto degli accordi quadro nazionali”.
Filippo Garofalo
segretario nazionale osapp

Related posts