“ENNA PER GLI SPOSI – EXPO 2010” MIGLIAIA DI COPPIE, DECINE DI CONTRATTI, CENTINAIA DI APPUNTAMENTI

Print Friendly, PDF & Email

Un migliaio di coppie di fidanzati hanno detto “sì” ad “Enna per gli sposi – Expo 2010”, la prima esposizione dedicata al matrimonio, all’arredamento e alla casa, promossa da Confartigianato e organizzata dalla Clabel Eventi. Dal 22 al 24 ottobre, sono arrivati da tutti i comuni della provincia ennese i “promessi sposi” che, accompagnati da genitori e suoceri, hanno dato il via ai preparativi proprio tra i 32 stand allestiti nelle tre sale del park hotel La Giara di Pergusa. Sono centinaia gli appuntamenti che le ditte hanno inserito in agenda prendendo contatti durante la tre giorni sul giorno del matrimonio e dintorni, decine i contratti firmati. Più di trenta i chili di confetti degustati, 40 le ragazze che hanno usufruito gratuitamente della prova trucco, tantissimi coloro che si sono recati allo stand “Sposa la solidarietà” – il primo all’interno di un evento fieristico della Sicilia –  con la promessa di donare abiti da cerimonia a favore dei detenuti della casa circondariale di Enna e all’associazione onlus La Tenda che da tempo opera sul territorio raccogliendo e distribuendo abiti alle famiglie in difficoltà. Un invito al quale hanno risposto anche i commercianti.   «Il bilancio che tracciamo con i nostri 32 espositori è indubbiamente positivo – ha affermato Mario Cascio, presidente di Confartigianato – A fronte di questo incoraggiante risultato  rilancio un invito alle istituzioni: costruire ad Enna un centro fieristico. Solo così potremo pensare di far crescere questa iniziativa e non solo, e potremo dare visibilità non solo a 32 aziende ma a molte molte di più. E’ questo il nostro nuovo obiettivo».       

«Enna ha dimostrato di saper offrire non solo valore alla tradizione artigianale e alle idee più innovative ma soprattutto una capacità imprenditoriale nei servizi e nei prodotti per nulla inferiore a quella delle altre province siciliane – ha concluso la responsabile di Confartigianato, Rosa Zarba – L’invito è quindi di restare nel nostro territorio per gli acquisti».

Sono soddisfatti anche gli espositori: «La gente ha risposto bene – ha detto Maria Savoca, titolare della ditta Ikebana e responsabile del settore “servizi” di Confartigianato, nonché ideatrice della manifestazione – Non è vero che l’artigianato o l’imprenditoria nel nostro territorio è morto. Abbiamo però bisogno di iniziative per avere visibilità e confrontarci».

Ad allietare la scoperta delle ultime tendenze in fatto di casa e fiori d’arancio è stata la musica di due formazioni ennesi che – a titolo gratuito – hanno voluto dare il loro contributo e proporre idee per rendere musicalmente intonato ai gusti della coppia l’intrattenimento durante il giorno del matrimonio e non solo. Hanno chiuso il sipario la musica classica dell’ensemble composto da Emanuela Spina, Jossy Botte, Fabio Di Fina e Federica Mosa il gruppo folk “I Zitani” composto da Gaetano Libertino (voce solista), Lucio Giunta (flauto e ciaramelle), Guglielmo Ingrà (percussioni), Roberta Lodato (violino), Giuseppe Tanteri (chitarra) e Mario Lodato (chitarra) con il loro repertorio di brani della tradizione siciliana e il gusto di una serenata in stile antico. Un intermezzo musicale fuori programma è stato regalato dal violinista palermitano, Francesco Nicolosi, dal pianista nisseno Michele Blandino e dalla cantante Simona Russo.

Ma nell’ultima giornata dell’expo 2010, è arrivata in anteprima nazionale anche l’alta moda con la proiezione del dvd della nuova collezione “I fiori dell’Islam” della stilista Arcangela Aiello, sette abiti ispirati alle donne musulmane. Un regalo che l’artista ha voluto fare ad Enna lanciando anche un messaggio che incrocia culture diverse e si concentra sulle donne che subiscono maltrattamenti:

«Come recita il Corano, l’uomo che tratta male una donna non è degno di essere considerato uomo – ha affermato la stilista Arcangela Aiello – La donna nei giardini dell’Islam è considerato un fiore. Tale deve essere in tutte le culture. Sono sette abiti perchè sette sono le colonne che hanno sorretto Maometto nell’altro mondo. I colori degli abiti, invece, sono quelli delle maioliche islamiche».

Una pittrice che con tanto di cavalletto, tela e basco in testa dipinge in estemporanea i due sposi nel momento della cerimonia nuziale davanti l’ingresso della chiesa o del municipio. I  confetti dai gusti più originali (babà, liquore di Benevento, frutti di bosco e pastiera). Una nuova tecnica, quella del “trucco ad acquerello”, ispirata al set cinematografico, abbinata ad un’acconciatura naturale e tendente al riccio, ma anche l’ “hair spa” trattamento a base di olii essenziali, fango, maschere detossinanti ai capelli da regalarsi il giorno prima delle nozze. Sono queste le proposte dell’acconciatore e dell’estetista di “Enna per gli Sposi”.

Un abito da sposa tutto da costruire con materiali più disparati come la carta, il rame, il sale o il vetro di resina è la proposta della stilista. L’abito avorio ma con tocchi di colore che vanno dal blu marine al rosa, velo impreziosito da pizzi e strass e drappeggi evidenti è ciò che detta il pret-a-porter più esclusivo. Bottoni colorati, invece, per l’abito da sposo che si colora e diventa più sagomato con una giacca più corta.

Poi, bomboniere “artigianali e solidali” allo stesso tempo per aiutare la missione di Sapè in Brasile e di Buea in Camerun senza lasciar scontenti gli invitati. Inginocchiatoi per la chiesa rivestiti da tessuti chiari e tappeti abbinati al colore dei fiori è la proposta di tendenza dell’addobbatore. Quote per il viaggio di nozze da regalare agli sposi con un semplice click sul pc e auto da sogno come una limousine bianca, ma anche servizi fotografici coinvolgenti e divertenti, rigorosamente senza pose o manipolazioni in photoshop nei luoghi più impensabili.

Poi, prestiti personalizzati a tasso agevolato, la consulenza di esperti per acquistare, affittare o ristrutturare casa o installare impianti fotovoltaici per rispettare l’ambiente. E per chi ama la comodità, è arrivata anche la domotica per avere in casa tutto sotto controllo e a portata di telecomando.

Cucine e tavoli in pietra lavica rigorosamente isolana, frigoriferi anni 50’ avorio o con i colori delle bandiere nazionali, vasi illuminati con violette e roselline bianche per decorare gli esterni della casa o del locale o la più particolare arte topiaria per dare forme alle forme e sorprendere con un “Ti amo” dal pollice verde l’amata.

Inoltre, la curvatura artigianale del vetro e per realizzare i complementi d’arredo più desueti si sposa con il colore nero che oltre che sugli specchi entra nel catalogo delle camere da letto abbinate ad un corredo dai colori naturali come sabbia e panna. I tendaggi ispirati alla camera della nonna, per le più romantiche,  vengono impreziositi da ricami e applicazioni di pietre dure. I corredi si fanno coloratissimi e quest’anno si propongono in tutte le tonalità del blu. Tante proposte anche per una lista nozze dal gusto moderno con linee sinuose ed eleganti, ma anche gioielli e pietre dure. E per chi ama la praticità e la velocità è arrivato anche il Bimby per non rinunciare a pranzi prelibati in poco tempo. Intimo glamour e set di valige per tutte le tasche e i gusti per stupire e viaggiare, bomboniere in ceramica e dipinte a mano tutte da progettare e realizzare secondo il gusto degli sposi. Poi, mobili del ‘700 per chi ama l’antiquariato. Nel mix per il matrimonio la casa e l’arredamento sono arrivati il billico, finestra ad apertura unica che ruota a 360 gradi, centinaia di marmi e pietre per tutti gli usi, piastrelle stilizzate con i volti dei personaggi di fumetti o del cinema, materassi e reti che si adattano al corpo. E infine, la consulenza della wedding planner per rendere il matrimonio un giorno perfetto e il ristoratore per consigliare un menù prelibato. Tutto questo è la prima edizione di “Enna per gli Sposi –Expo 2010” .

Related posts