CIA ENNA SU CRISI DEL COMPARTO AGRICOLO

Print Friendly, PDF & Email

La Giunta provinciale della Cia di Enna, di fronte alla indifferenza e all’impotenza dei Governi rispetto alla crisi dell’agricoltura, ha deciso di avviare un confronto con i rappresentanti politici e istituzionali per sollecitare una inversione di tendenza. In assenza di segnali positivi sarà inevitabile la protesta di piazza. La Giunta provinciale della Cia di Enna, riunitasi oggi ha fatto il punto sull’attuale stato di crisi del settore agricolo, constatando la totale indifferenza manifestata dai Governi di fronte alla drammatica crisi che da troppo tempo colpisce le aziende agricole. La Giunta denuncia, inoltre, la manifesta impotenza del Governo regionale a far pesare sull’esecutivo nazionale le richieste del mondo agricolo siciliano. Ancora oggi, infatti, viene negata la proroga della riduzione dei contributi previdenziali, la riduzione delle accise sui carburanti agricoli e gli altri interventi necessari per ridurre i costi di produzione. I tagli degli stanziamenti per l’agricoltura preannunciati dai governi nazionale e regionale con le rispettive leggi finanziarie, confermano, purtroppo, il disimpegno degli esecutivi circa le difficoltà dell’agricoltura.
Al fine di sollecitare una inversione di tendenza senza la quale si condannerebbe alla chiusura centinaia di aziende agricole e alla marginalità economica di quelle superstiti, la Giunta provinciale della Cia di Enna ha deciso di avviare un urgente confronto con i vertici politici e istituzionali, a qualsiasi livello.
A conclusione di questi incontri, il prossimo 25 novembre, a Palermo, alla presenza  dell’assessore regionale alle risorse agricole, Elio D’Antrassi, si svolgerà la Direzione regionale della Cia che sarà chiamata, in caso di inadeguati segnali di attenzione ai problemi del settore, a promuovere la mobilitazione di piazza.
La Cia Sicilia ha, inoltre, deciso l’insediamento di un comitato tecnico-scientifico composto prevalentemente da docenti delle principali Università siciliane con particolare riferimento alle facoltà di Agraria, Veterinaria ed Economia che possa contribuire all’analisi del settore e alle sue prospettive e che solleciti il mondo accademico ad una propria scesa in campo alla ricerca di un futuro per l’agricoltura dell’Isola.

Related posts