PIAZZA ARMERINA: LEGAMBIENTE ESPRIME FORTE PREOCCUPAZIONE PER LA SORTEDI PALAZZO TRIGONA

Print Friendly, PDF & Email

Continua l’odissea di Palazzo Trigona. Dopo quasi 10 anni dall’impegno assunto dal governo regionale con il consiglio comunale e con la città intera perché finalmente il palazzo venisse restaurato e trasformato in Museo della Città e del territorio, si scopre che il palazzo non ospiterà il Museo ma la sede amministrativa del nuovo Servizio Parco Archeologico della Villa del Casale e, ove possibile, mostre temporanee. Eppure la Soprintendenza di Enna, avendo ricevuto un finanziamento di 360.000 euro, per un primo, se pur minimo, intervento di musealizzazione del Palazzo, aveva sempre, negli ultimi 2 anni, usato toni rassicuranti in proposito. “Apprendiamo con forte preoccupazione – dichiarano i responsabili di Legambiente

 Piazza Armerina – che la riforma della pubblica amministrazione messa in atto dal governo regionale nega alla città ciò che la stessa Regione ha finanziato, e che non esiste il progetto di musealizzazione per Palazzo Trigona. La Regione, pur avendo restaurato il Palazzo intervenendo con uno stanziamento di quasi 4 milioni ha di euro, non lo ha mai istituito come museo autonomo. E la riforma attualmente in corso non ha sanato questa imperdonabile dimenticanza”.

Legambiente manifesta perplessità sul come il direttore del parco Archeologico possa onorare l’impegno assunto dalla Regione con la città. Il nuovo servizio non dispone di autonomia finanziaria, non ha archeologi nel suo organico e dovrà occuparsi di procedere alla perimetrazione del parco archeologico, che comprende anche siti dei comuni limitrofi, garantirne la gestione, la valorizzazione e la promozione e in più dovrebbe anche garantire l’allestimento museale del Trigona e la conseguente gestione.

“Temiamo che si tratti dell’ennesimo scippo alla nostra città, ed è per questo che abbiamo inviato una lettera aperta al governo regionale e agli organismi politici locali – continua Legambiente – affinchè una politica responsabile si attivi immediatamente inserendo un emendamento alla finanziaria regionale per garantire al palazzo Trigona l’autonomia e l’allestimento museale. Non è possibile accettare alcuno sconto o alcuna soluzione riduttiva. Abbiamo sempre sostenuto che Palazzo Trigona, trasformato in polo museale d’eccellenza rappresenta un binomio positivo di sviluppo e cultura per il centro storico di Piazza Armerina, per la Villa del Casale e per tutto il territorio di riferimento e, soprattutto, per l’intera collettività piazzese che non può, in alcun modo, accettare che le venga negato ciò che attende da più di 50 anni ”.

Related posts