AL VIA IL CONTRATTO ENEL CHE PERMETTERA’ L’EFFETTUAZIONE DEL COLLAUDO DEI LAVORI DI PALAZZO TRIGONA

Print Friendly, PDF & Email

Il comitato cittadino pro Palazzo Trigona apprende con soddisfazione la notizia dell’avvenuto pagamento, da parte della Soprintendenza di Enna, della somma necessaria per l’attivazione del contratto Enel per Palazzo Trigona. “L’attivazione effettiva dell’utenza elettrica – dichiarano i responsabili del comitato – permetterà l’effettuazione del collaudo degli impianti, necessario per la messa in funzione dell’edificio. Si tratta di un primo importante passo e auspichiamo che il collaudo avvenga entro il mese di gennaio 2011”. Il comitato cittadino per Palazzo Trigona, attivato 10 anni fa e recentemente ricostituito, rimarrà vigile su tutto l’iter che porterà all’apertura di Palazzo Trigona e alla realizzazione del Museo della Città e del Territorio. Scopo principale e dichiarato

del comitato Trigona è quello di aprire un ampio dibattito con la città e le istituzioni sul futuro del Trigona e sul rilancio economico della città legato alla valorizzazione del proprio patrimonio culturale.
Palazzo Trigona oggi, nonostante il restauro concluso, non è ancora museo.
Molte sono ancora le vicende da risolvere per permettere il conseguimento di tale importante risultato. Al momento non è stato definito un piano temporale preciso per la realizzazione del museo e, soprattutto, un ordinamento museale specifico, un piano di gestione che affronti il problema del personale, dei costi di manutenzione del palazzo, e della promozione culturale del Trigona.
Il coordinamento delle attività del comitato Trigona è stato affidato a Legambiente che, da più di 10 anni, si è resa portavoce della giusta richiesta dei cittadini piazzesi di poter avere il museo tanto atteso assumendo un ruolo un ruolo da pungolo nei confronti dell’amministrazione regionale e locale. Il comitato pro Trigona tornerà a riunirisi il 10 gennaio per ampliare la base di partecipazione e adesione all’attuale comitato e per discutere le azioni da intraprendere, nell’interesse della città.

 

Related posts