PROROGATE LE GRADUATORIE PER L’AVVIAMENTO DEI DISOCCUPATI NEI CANTIERI REGIONALI DI LAVORO PER L’ANNO 2010.

Print Friendly, PDF & Email

Sono state prorogate al 30 aprile 2011 le graduatorie per l’avviamento dei disoccupati nei cantieri regionali di lavoro per l’anno 2010. “A stabilirlo –dice il direttore del Servizio VIII dell’Ufficio Provinciale del Lavoro, Paolo Trovato- è stata la Commissione Regionale per l’Impiego nella seduta del 10 dicembre scorso, ai sensi della legge regionale 1° luglio 1968, n.17 e successive modifiche ed integrazioni”. I Criteri per la formulazione delle graduatorie, in ordine di priorità, restano quelli stabiliti con delibera della C.R.I. n. 6 del 9 febbraio 2010 e sono: età compresa tra 18 anni compiuti e 65 non compiuti che abbiano rilasciato la dichiarazione di disponibilità al Centro per l’Impiego competente per territorio, residenza alla data di pubblicazione dell’avviso, nel Comune ove si svolgono i lavori e in subordine, residenza nell’ambito del C.P.I che comprende il Comune; minore numero di mesi lavorati (in qualunque comparto compresi i cantieri di lavoro e i cantieri di servizi) nei 12 mesi che precedono la pubblicazione dell’avviso; maggiore carico di famiglia; maggiore età anagrafica. “Per le graduatorie valevoli per l’anno 2011 –sottolinea Trovato-, le istanze per essere inseriti nella elaboranda graduatoria, dovranno essere presentate a decorrere dal 3 gennaio e sino al 31 gennaio presso i Centri per l’Impiego di Enna – Leonforte – Nicosia e Piazza Armerina. Le stesse istanze potranno essere altresì presentate presso i recapiti di Agira, Barrafranca, Catenanuova, Centuripe, Pietraperzia e Troina. L’istanza potrà essere presentata anche da coloro che risultano già inseriti nella vigente graduatoria. Le richieste di avviamento che perverranno da parte dei Comuni entro il 30 aprile 2011, saranno evase con la graduatoria 2010, mentre quelle che perverranno successivamente, saranno evase con la graduatoria 2011. E’ prevista una riserva di posti in favore di lavoratori particolarmente svantaggiati ai sensi della L.R. N. 27/91, art. 27, quarto comma”.

Pietro Lisacchi

Related posts