I VINCITORI DEL CONCORSO “ ANGELO SIGNORELLI….LA MAGIA DELLE FAVOLE”

Print Friendly, PDF & Email

Non è stato un lavoro semplice ma  la commissione, che ha selezionato gli elaborati pervenuti alla Scuola De Amicis nell’ambito del Concorso Nazionale  intitolato allo scrittore ennese per ragazzi  Angelo Signorelli, scomparso nel 2006, ha emesso il responso.  Il concorso, aperto a tutte le scuole primarie  del territorio nazionale prevedeva la realizzazione  di favole in lingua italiana articolate in tre sezioni:  A-favole scritte e illustrate; B- favole multimediali; C- favole a fumetti. Le tematiche degli elaborati riguardano il  valore della  famiglia, della scuola, il rispetto dell’ambiente (natura, cose,  persone) oi  temi mitologici legati al proprio territorio. La giuria formata da Maria Belato , Dirigente Scolastico del 1° Circolo Didattico de Amicis, da. Rocco Lombardo storico e scrittore, da. Emilio Barbera scrittore ed editore, da  Corrado Cristaldi compositore di musica per l’infanzia,illustratore di libri ,esperto di immagine e multimedialità, fumettista ,da Cinzia Farina giornalista e scrittrice, dalle insegnanti Franca Petralia ,Rita Sabatino e  Isabella Vaccaro coordinatrici del concorso, ha visionato oltre 60 elaborati di favole scritte e illustrate. Meno numerosa è stata la partecipazione alla sezione di favole a fumetti, ne sono pervenute 11, e delle favole multimediali, in numero di 6. .
La giuria non ha assegnato i premi Signorelli alle sezioni di favole a fumetti e  di favole multimediali assegnando invece un ex-aequo alle favole scritte e illustrate.
Il premio Signorelli quest’anno sarà in denaro per volontà della famiglia dello scrittore  e viene assegnato quindi in ex-aequo alle scuole di Enna 4° Circolo con la favola  C’ERA  UNA  VOLTA…..L’ALBERO  E  I PETTIROSSI e alla scuola di Leonforte ( Enna) con la favola FARFALLOSA
Per mantenere la suspence la giuria ha reso noto i nomi dei vincitori ma non la graduatoria che sarà svelata nel corso della cerimonia di premiazione prevista per il 23 e 24 Maggio al Teatro Comunale di Enna.
Tra i vincitori per la sezione – Favole scritte e illustrate il 2 ° Circolo P.pe di Piemonte  di Lanciano ( Chieti) con la favola LA  GRANDE  FAMIGLIA., l’istituto comprensivo“ Dante Alighieri” Scuola Primaria “Mascarucci” di Pesaro con la favola GRAZIE  NONNO., il 48° Circolo M. Claudia Russo  di Napoli con la favola IL  BOSCO DALLE  MILLE  AVVENTURE
Per la sezione B- Favole multimediali: il 1° Circolo Lauricella di Agrigento con la favola BLA  BLA  BLA
l’Istituto Comprensivo Roncalli di Grotte ( Agrigento) con l’opera L’ORSO  E  LA  VOLPE
Per la Sez. C –favole a fumetti, i premiati sono il Convitto Nazionale Falcone di Palermo con la favola IL  NEMICO  UOMO, la Scuola Ronconi di Roma con l’elaborato  I  DUE  CINCILLA’ E LA POZIONE  MAGICA, la Scuola Primaria N:R: S. di Napoli con l’opera LA  VITTORIA  DI  TOMMY
Il PREMIO  CITTA’ DI  ENNA  viene assegnato alla Scuola Ronconi di Roma con la favola multimediale FESTA  DI  PRIMAVERA
Alla manifestazione di premiazione, che vedrà coinvolte  le scuole vincitrici, in programma per il 23 e 24 Maggio presso il Teatro Comunale di Enna , sarà presente il prof.Livio Sossi  docente all’Università di Udine , critico di letteratura per l’infanzia che conobbe personalmente lo scrittore Signorelli. E’ in programma, per quei giorni, un corso di formazione per docenti sull’importanza della fiaba nell’infanzia a cura proprio del Prof. Sossi.
Signorelli era un maestro che si è dedicato a scrivere favole per bambini. Visse gran parte della sua vita a Gorizia che lo vide instancabile nella sua produzione letteraria per l’infanzia, con quella  allegria che sapeva divertire grandi e bambini insegnando a tutti  che non ci si deve vergognare di essere bambini anche in età adulta.
Signorelli vantava nella sua bacheca il Premio Andersen, trampolino di lancio di una carriera fatta di 21 opere e di oltre 10 mila libri distribuiti gratuitamente. Si definiva uno scrittore “siculo-friulano” perché  ambientava racconti e favole ora nella sua terra di origine, ora in quella di adozione, il Friuli. Quando gli si chiedeva se fosse nei suoi programmi prima o poi, ritornare nella sua terra natìa, rispondeva:” Enna è sempre rimasta in me , non me ne sono mai allontanato”.

About Post Author

Related posts