INSEDIATA, IERI MATTINA, LA COMMISSIONE PROVINCIALE SANITÀ PRESIEDUTA DAL CONSIGLIERE SOCIALISTA, SALVATORE MIRODDI.

Print Friendly, PDF & Email

Fanno parte della commissione tutti i capogruppo e i consiglieri medici. Alla prima seduta è stato invitato il presidente della Provincia, Giuseppe Monaco, che è intervenuto nella doppia veste di amministratore e di medico. Partendo dagli ultimi fatti di cronaca che hanno causato la chiusura dei due punti nascita degli ospedale di Leonforte e Piazza Armerina, la commissione ha avviato un’attenta analisi della situazione della sanità in provincia di Enna mettendo a fuoco alcuni aspetti, condivisi all’unanimità, e che riguardano soprattutto la necessità di garantire la sicurezza ai cittadini. Per Miroddi la commissione deve svolgere un ruolo propositivo e di stimolo per consentire ai cittadini ennesi di usufruire di un’assistenza sanitaria adeguata e soprattutto sicura.
“ Avvieremo uno studio sulle criticità – ha annunciato Miroddi- per formulare delle ipotesi concrete e fattive che possano risolvere i tanti problemi di cui soffre oggi la sanità e quella ennese in particolare. Insieme ai sindaci presidieremo il territorio nell’interesse supremo del diritto alla salute per i nostri cittadini che non dovranno sentirsi pazienti di serie B”.  Per il presidente Monaco “non è ipotizzabile effettuare tagli agli ospedali senza di contro potenziare i servizi territoriali. Il cittadino è costretto a rivolgersi all’ospedale per la diagnosi intasando tutti i servizi. Un servizio sanitario territoriale  che funziona significa alleggerire gli ospedali a favore della sicurezza, per il paziente e per gli operatori sanitari”. La commissione avvierà da subito uno studio analitico della problematica per proporre unitariamente le strategie e le azioni che si riterranno opportune per cercare di dare risposte concrete alle richieste di una sanità sicura, efficiente e all’avanguardia. La commissione come annunciato da Miroddi si occuperà anche del centro di Pollicarini in via di ultimazione per capire come e in che modo potrà servire ai cittadini e quale sarà il suo utilizzo.

About Post Author

Related posts