PIAZZA ARMERINA: I CARABINIERI TROVANO DIVERSE ARMI E NUMEROSE MUNIZIONI. ARRESTATO UN INCENSURATO QUARANTASETTENNE.

Print Friendly, PDF & Email

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina, diretti dal Maresciallo Aiutante De Nardo Antonio, hanno tratto in arresto alle prime luci dell’alba della giornata di ieri, in flagranza di reato, SCROPPO Fabrizio, nato ad Aidone (EN) ma residente proprio a Piazza Armerina in Contrada Azzolina s.n.c., celibe, bracciante agricolo, per detenzione illegale di un ingente quantitativo di munizione ed armi clandestine (art. 23 legge 110 del 1975). I militari dell’Aliquota Radiomobile, comandati dal Maresciallo Capo Quarta Vincenzo, dopo accurate e prolungate indagini di polizia giudiziaria hanno eseguito la perquisizione domiciliare nell’abitazione del predetto e nelle adiacenze della stessa e, nel locale cucina, in camera da letto, e nelle intercapedini, hanno rinvenuto:   •    nr. 01 pistola semiautomatica calibro 7,65 browning marca “Beretta” modello 1915-1919 avente matricola nr. 222813;

•    nr. 01 pistola semiautomatica calibro 6,35 browning di produzione artigianale italiana marca “Titan” priva matricola e mancante di guanciali con colpo in canna;

•    nr. 01 moschetto militare italiano modello 1891 da cavalleria calibro 6,5 carcano (6,5 x 52) avente matricola nr. 1712;

•    nr. 01 cartuccia calibro 7,65 browning;

•    nr. 24 cartucce calibro 6,35 browning;

•    nr. 97 cartucce calibro 6,5 carcano (6,5 x 52).

Tutto il materiale rinvenuto era opportunamente occultato e sparso sia nell’abitazione che nei meandri delle adiacenze delle stesse e solo l’astuzia investigativa dei militari operanti ha quindi permesso il rinvenimento ed il successivo recupero. Le armi e le munizioni sono state posto sotto sequestro penale. L’arrestato, a conclusione dell’attività investigativa ed espletate tutte le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Enna a disposizione della competente Autorità Giudiziaria per la convalida. Sono tuttora in corso indagini per risalire all’origine delle armi ed al loro reale utilizzo. L’attuale attività rientra nel controllo del territorio, compito primario e precipuo per i militari della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina comandata dal Capitano Rosario Scotto di Carlo.

About Post Author

Related posts