VALGUARNERA CAROPEPE: I CARABINIERI TROVANO ARMI E MUNIZIONI. ARRESTATO UN SESSANTAQUATTRENNE DEL POSTO.

Print Friendly, PDF & Email

I militari della Stazione di Valguarnera, comandata dal Maresciallo Capo TODISCO Pasquale e dipendenti dalla Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina, hanno tratto in arresto nella tarda giornata di ieri, in flagranza di reato, DIELI Gesualdo, nato a Mirabella Imbaccari (CT) ma residente a Valguarnera sebbene di fatto domiciliato in Francia unitamente alla moglie ed ai quattro figli, coniugato, bracciante agricolo. Il reato contestato è la detenzione illegale di un ingente quantitativo di munizioni ed armi clandestine (art. 23 legge 110 del 1975). I militari operanti dopo accurate e prolungate indagini di polizia giudiziaria hanno eseguito diverse perquisizioni domiciliari nelle abitazioni del predetto e nelle adiacenze delle stesse e, in una di queste sita in Valguarnera Caropepe alla Via Colombo nr. 10, hanno rinvenuto all’interno di un armadio ubicato nel garage situato al primo piano e comunicante con l’abitazione:  
•    Nr.1 pistola semiautomatica, marca “Browning’s”, prodotta dalla “Fabbrique nationale d’armes de guerre herstal-Belgique”, cal. 7,65,  avente matricola nr. 534481, con guancette nere e con sigla in rilievo “NF”;
•    Nr.1 caricatore dello stesso calibro della pistola con al suo interno nr.6 munizioni marca W-W 32 auto. calibro 7,65mm;
•    Nr.1 Fucile, tipo doppietta ad avancarica, privo di qualunque segno di identificazione (matricola o altro);
•    Nr.24 munizioni da caccia, munizionamento spezzato, calibro 12, marca “Wincester” di colore rosso;
•    Nr.16 munizioni da caccia, munizionamento spezzato, calibro 12, marca “Mirage” di colore Nero;
•    Nr.1 munizione a palla unica, calibro 12, marca “fiocchi” di colore bianca;
•    Nr.1 munizione a palline, calibro 12, marca “fiocchi” di colore bianca;
•    Nr.1 munizioni a pallettoni, calibro 12, marca “fiocchi” di colore bianca;
•    Nr. 1 scatola di colore blu, contenente 9 numeri dal nr. 0 al nr.8, da 8mm per punzonatura.  

Tutto il materiale, rinvenuto solo grazie all’acume investigativo dei Carabinieri operanti, unitamente alle armi è stato posto sotto sequestro penale.
L’arrestato, a conclusione dell’attività investigativa ed espletate tutte le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Enna a disposizione della competente Autorità Giudiziaria per la convalida. Sono tuttora in corso indagini per risalire all’origine delle armi ed al loro reale utilizzo. Nei prossimi giorni entrambe le armi verranno inviate al R.I.S. di Messina per le consuete analisi balistiche. Dal 20 Marzo ad oggi salgono quindi a quattro i recuperi e relativi sequestri di ingenti quantitativi di armi e munizioni effettuati dagli uomini della Benemerita di Piazza Armerina. L’attuale attività rientra nel controllo del territorio, compito primario e precipuo appunto per i militari della Compagnia Carabinieri comandata dal Capitano Scotto di Carlo Rosario.

Related posts