NULLA DI FATTO SULLA COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ CONSORTILE PER AZIONI PER LA REGOLAMENTAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI ATO N. 6 – ENNA.

Print Friendly, PDF & Email

Con l’approvazione di un ordine del giorno proposto dalla V commissione consiliare si è concluso ieri sera il dibattito che ha impegnato il Consiglio in due sedute, sulle problematiche in ordine all’organizzazione degli uffici e dei servizi dell’Ente. La seduta di ieri che ha registrato  l’intervento anche del segretario provinciale della Cisl  Arena, segue una precedente seduta nella quale l’assessore alle Risorse umane Vicari ha relazionato sull’organizzazione della macchina amministrativa tenendo conto degli obiettivi che l’Amministrazione si è data e che ha assegnato ai vari settori per migliorare l’efficienza e l’efficacia dell’attività dell’Ente. Nel fare un dettagliato excursus l’esponente della Giunta Monaco ha ribadito la volontà dell’Amministrazione di mantenere inalterato il numero delle posizioni organizzative ritenute necessarie per il raggiungimento degli obbiettivi da parte dei settori. “ Un risparmio di fatto si sta già realizzando- ha commentato Vicari- tenendo conto che i contratti delle APO sono scaduti da tre mesi. Un residuo finanziario che consentirà di rimpinguare il fondo destinato alle altre voci di retribuzione accessoria”. Soluzioni diverse sono state prospettate dai vari consiglieri anche in considerazione del fatto che le disponibilità del fondo sono sempre più assottigliate. “ Ci rendiamo conto che la coperta è corta – ha dichiarato il capogruppo del PD Mario Alloro- occorre quindi che il taglio venga ripartito  in maniera equa tra tutte le categorie. In attesa che a partire dal prossimo anno, nel quale è prevista la scadenza dei contratti dei dirigenti e che dovrebbero ridursi di numero, ritengo si possa procedere ad una riduzione delle posizioni organizzative che dovranno essere valutate in termini economici tenendo conto del loro carico di lavoro e della loro responsabilità”. Il Consiglio ha alla fine del dibattito approvato con il voto contrario del consigliere Granata un ordine del giorno con il quale, dopo le opportune premesse impegna l’Amministrazione a:  
1.    ridurre, a scadenza naturale dei citati contratti con i Dirigenti, le strutture di massima dimensione in numero tendenzialmente pari a quello dei componenti della Giunta Provinciale, tenuto conto della riduzione dalla L.r. n. 22 del 16/12/2008, operante automaticamente con il prossimo rinnovo degli Organi elettivi della Provincia;

2.    conformare, quindi, il numero degli incarichi dirigenziali a soggetti esterni all’Amministrazione Provinciale alle percentuali prescritte dalla normativa vigente;

3.    ridurre, in sede di costituzione, ovvero di revisione, del fondo collettivo, e fino alla riduzione delle strutture di massima dimensione, le risorse da prelevare per l’assegnazione delle posizioni organizzative a favore dei restanti istituti contrattuali previsti per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività.

About Post Author

Related posts