L’ASSESSORE REGIONALE ALL’AGRICOLTURA, ELIO D’ANTRASSI VISITA IL CAMPO DI GERMOPLASMA A PERGUSA.

Print Friendly, PDF & Email

Una visita per conoscere il campo del germoplasma dell’ulivo nella riserva di Pergusa e l’occasione per un confronto aperto con i rappresentati delle organizzazioni di categoria per tracciare insieme un progetto comune che miri a valorizzare il paniere dei prodotti e delle eccellenze che il nostro territorio esprime. E’ stato il motivo della visita dell’assessore regionale Elio D’Antrassi nel pomeriggio di ieri nella splendida tenuta di contrada Zagaria dove dal 2004 sorge il campo del germoplasma dell’ulivo il  più grande laboratorio a cielo aperto del mediterraneo realizzato dalla Provincia grazie al rapporto di collaborazione intrapreso con il CNR di Perugia. A fare gli onori di casa il presidente della Provincia, Giuseppe Monaco accompagnato dall’assessore all’Agricoltura, Marcello Melfa, dal funzionario Andrea Scoto e dal dirigente Giuseppe Colajanni. “ Una realtà come questa è un vanto per la Sicilia- ha commentato l’esponente della Giunta Lombardo-  occorre eliminare gli ostacoli che di fatto impediscono di mettere a reddito le eccellenze. Il campo del germoplasma sono certo contribuirà al miglioramento genetico degli ulivi sia per aumentarne la produzione che per migliorare la qualità.”  L’assessore ha potuto constatare la valenza internazionale del progetto messo su con grande professionalità dal settore Agricoltura e che vede ad oggi oltre 400 accessioni di olivo presenti, suddivisi per aree di provenienza, non solo regionale, ma anche nazionale e internazionale e che  nell’ambiente pergusino hanno trovato le condizioni favorevoli per la loro abitabilità. “ I risultati della ricerca fin qui condotta – ha spiegato il presidente Monaco- ci incoraggiano ad andare avanti in questa direzione e riaprono nuove e sicure prospettive economiche nell’ambito della qualificazione e dello sviluppo dell’olivicoltura delle aree interne della Sicilia. Occorre superare alcune criticità che riguardano soprattutto la commercializzazione e puntare ad incentivare il consumo dei nostri prodotti a partire dalle nostre comunità locali e regionali. Se si pensa che il 60 per cento dei prodotti consumati in Sicilia proviene  da oltre lo stretto e non solo ci deve fare riflettere su quanto occorrerà mettere in campo per invertire questa tendenza che penalizza i nostri produttori e la nostra economia.”  A sostenere quanto detto dal presidente lo stesso D’Antrassi per il quale “ non si riesce ancora a compattare l’offerta perché manca il sistema territorio”. Rivolgendosi ai produttori, che hanno manifestato le loro enormi difficoltà, l’assessore ha proposto anche di superare la logica del mono  prodotto per puntare su una varietà che possa conquistare mercato e garantire più possibilità di reddito”.  L’assessore Melfa si è fatto portavoce delle proposte della categoria per superare il particolare momento di crisi che vive il settore agricolo e zootecnico, portante per l’economia dell’intero territorio.

About Post Author

Related posts