PIETRAPERZIA: I CARABINIERI ARRESTANO UN 39ENNE TRUFFATORE PALERMITANO “IN TRASFERTA”.

Print Friendly, PDF & Email

I militari della Stazione di Pietraperzia, dipendenti dalla Compagnia di Piazza Armerina, hanno tratto in arresto nella giornata di ieri, in flagranza di reato, TORRES Maurizio, nato e residente a Palermo, separato, muratore, pregiudicato già noto alle Forze dell’Ordine per reati contro il patrimonio tra cui truffa e ricettazione. I Carabinieri, che svolgevano regolare pattuglia per le vie cittadine, si sono recati presso l’Ufficio Postale del paese per un consueto passaggio di routine ed hanno constato la presenza del TORRES che, alla vista dei militari, ha dato evidenti segni di insofferenza ed agitazione cosicché gli stessi procedevano all’identificazione del suddetto intimandolo di favorire loro un proprio documento di riconoscimento.
L’uomo stava cercando di effettuare le operazioni di apertura di un conto corrente al fine di versavi un assegno bancario non trasferibile dell’importo di euro 2428,13 riconducibile ad altra persona ed, allo sportello, stavo esibendo una patente di guida intestata ad un fantomatico LONGO Luigi, cl. 1985, vistosamente contraffatta, con applicata però la sua foto. I Carabinieri hanno quindi chiesto spiegazioni sul titolare del documento di riconoscimento ma il TORRES non ha saputo fornire ed è stato quindi invitato a seguirli presso la Caserma dell’Arma pietrina dove si è accertata la provenienza furtiva dell’assegno, la contraffazione del documento e la recidività del palermitano per questi tipi di reato. Sia l’assegno che il documento sono stati quindi posti sotto sequestro penale come corpo del reato e TORRES Maurizio veniva dichiarato in stato d’arresto per i reati di cui agli articoli 494 – 495 – 497 bis – 640 e 648 del Codice Penale e cioè truffa – ricettazione – falsa attestazione sulla propria identità – sostituzione di persona e possesso di documenti di identificazione falsi.   
L’arrestato, a conclusione dell’attività investigativa ed espletate tutte le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Enna a disposizione della competente Autorità Giudiziaria per la convalida. Sono tuttora in corso indagini per risalire al probabile complice con cui il TORRES è salito in trasferta da Palermo poiché lo stesso non è stato trovato in possesso di chiavi di mezzi di locomozione.

About Post Author

Related posts