ANCE ENNA : RITARDI NEI PAGAMENTI- A RISCHIO DEFAULT IL 35% DELLE IMPRESE

Print Friendly, PDF & Email

“E’ incomprensibile come nonostante gli interventi normativi mirati a ridurre i ritardi e le insolvenze nei pagamenti di appalti pubblici si continuino a registrare ritardi ed incertezze nei pagamenti. Senza una adeguata sensibilita’ di amministratori pubblici e burocrati il 30 % delle imprese rischia il fallimento entro la fine dell’anno ed altre saranno costrette a chiudere per evitarlo” così PIRRONE esprime la preoccupazione delle imprese appaltatrici ( per lo più imprese di costruzioni) che si vedono costrette  ad anticipare somme considerevoli per conto degli enti con cui hanno appalti in corso o ultimati.
” Gli effetti sono deflagranti! Le imprese non sono piu’ in grado di adempiere agli obblighi contributivi sui salari dei dipendenti o peggio quelli erariali. Incomprensibilmente le amministrazioni anche quando hanno soldi in cassa dinanzi ad aziende con DURC irregolare non procedono secondo legge ma bloccano i pagamenti. Ricordiamo alle amministrazioni che l’articolo 4 del regolamento generale sui contratti pubblici entrato in vigore a giugno (DPR 207/2011) prevede che il RUP debba procedere al pagamento trattenendo e corrispondendo direttamente quanto dovuto dalle aziende per oneri previdenziali ed assistenziali.”
” L’impianto normativo evolutosi anche in conseguenza della crisi e della volontà di serrare le file sull’annosa questione del patto di stabilita’ consente sin dall’origine di evitare che si bandiscano gare senza copertura finanziaria e senza un piano dei pagamenti asseverato dal responsabile. Queste norme unitamente a quelle gia citate che consentono all’amministrazione di surrogare l’impresa che non ha adempiuto ad obblighi contributivi, consentirebbero di superare la maggior parte delle situazioni di ritardo. Inspiegabilmente invece tutto si ferma e si continua a procedere a gare anche con coperture finanziarie incerte ed a bloccare pagamenti con capziose scuse burocratiche. Occorre che chi gestisce la cosa pubblica comprenda l’enorme danno economico e sociale che tali atteggiamenti causano. Chiediamo che ognuno faccia la sua parte e che siano rispettate le disposizioni di legge perché si eviti il tracollo di molte imprese, in attesa di una ripresa degli investimenti che oggi ci appare ancora lontana.”

Related posts