AGIRA. ALTRO ORDINE DI ARRESTO PER GIOVANNI CONTINO, DETENEVA ARMA CON MATRICOLA ABRASA E MUNIZIONAMENTO DA GUERRA

Print Friendly, PDF & Email

I militari della Stazione Carabinieri di Agira, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Nicosia su richiesta della stessa Procura della Repubblica Nicosiana, hanno oggi tratto in arresto CONTINO Giovanni, agirino cl.’90, in atto detenuto presso la Casa Circondariale di Nicosia, in quanto ritenuto responsabile di Detenzione illegale di munizionamento da guerra e di arma comune da sparo e Detenzione di arma clandestina con matricola abrasa. I fatti, risalgono al  gennaio scorso quando una mirata attività investigativa condotta dai militari della Stazione di Agira, unitamente a personale del dipendente NORM, sotto il coordinamento del Sig. Procuratore della Repubblica di Nicosia, Dot. Fabio SCAVONE, permetteva di venire a conoscenza che all’interno di una casa abbandonata di proprietà dei nonni del CONTINO, (entrambi deceduti), da diverso tempo il giovane deteneva ben celate alcune armi e diverso munizionamento. L’immediata richiesta di perquisizione domiciliare veniva subito accolta dalla Procura e così la mattina del 15 gennaio i Carabinieri della Stazione di Agira insieme ai colleghi del NORM di Enna, collaborati da unità cinofile specializzate nella ricerca di armi ed esplosivi provenienti dal Nucleo cinofili Carabinieri di Nicolosi, hanno svolto un’accurata perquisizione dei luoghi. All’interno di una delle stanze il carabiniere a “quattro zampe” “PACO”, ha subito individuato il nascondiglio,  un angusto ripostiglio, dove avvolte da buste di plastica ed indumenti in stoffa, sono state rinvenute e sequestrate 2 pistole di cui una calibro 9 e l’altra, con matricola abrasa, idonea a sparare cartucce da fucile calibro 12 e 195 munizioni di vario calibro. L’ordinanza di custodia cautelare è stata notificata al CONTINO in carcere dove il giovane è recluso dal settembre del 2009, per il tentato omicidio di RIZZO Angelo avvenuto all’interno dei locali del Giudice di Pace di Agira.

Related posts