INCONTRO INTERCOMUNALE. GIOVEDI’ 10 NOVEMBRE ORE 15,30 SALA CONSILIARE DI NICOSIA. INTERVERRÀ IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, GIUSEPPE MONACO.

Print Friendly, PDF & Email

Parte giovedì 10 novembre il ciclo di cinque incontri calendarizzati promossi dalla Provincia Regionale con le Unità Territoriali Intercomunali ( UTI)  individuate nel Piano territoriale provinciale. Il primo dei cinque incontri si terrà alle ore 15 presso la sala consiliare di Nicosia e vedrà la presenza del presidente della Provincia, Giuseppe Monaco, degli assessori al Territorio e alle Attività produttive, Amato e Zinna e del dirigente del IV settore, Luigi Scavuzzo.  Nicosia fa parte dell’UTI numero 1 che comprende i comuni di Sperlinga Troina, Cerami e  Gagliano Castelferrato. “ L’incontro – spiega Monaco-  segue una serie di iniziative realizzate dall’Ente che hanno avuto lo scopo di analizzare il territorio dal punto di vista economico ed infrastrutturale per programmare una serie di azioni necessarie allo sviluppo territoriale”. Come si ricorderà la Provincia ha effettuato un monitoraggio delle grandi infrastrutture la cui realizzazione ricadrà sul territorio provinciale, così come previsto negli strumenti finanziari e di pianificazione Nazionale e Regionale, attivando un costante canale con l’ANAS, la R.F.I ed il Dipartimento Regionale delle Acque e dei Rifiuti. Lavoro che è già stato presentato ai sindaci lo scorso     27 Settembre. L’Ente ha anche realizzato l’ “Osservatorio sui finanziamenti pubblici e sulle principali progettualità rilevate nel territorio provinciale”, comprensivo dei reports inerenti, oltre che i finanziamenti già decretati, i progetti dichiarati ammissibili a finanziamento, quelli inclusi in Piani, Programmi e Progettazioni integrate e quelli che, sia pure definitivi ed esecutivi, non sono ancora stati inclusi in finanziamenti o Programmi.  “È del tutto evidente- spiega Monaco-  come  la conoscenza di tali dati sia essenziale per operare un attento monitoraggio delle opere in corso di realizzazione e per effettuare ogni azione di sollecitazione e facilitazione che si rendesse necessaria  per avviare  le opere non ancora realizzate o ancora concretamente non finanziate. Ognuna delle azioni- conclude il capo dell’Amministrazione-  è indirizzata a dare una prospettiva di sviluppo all’intero territorio provinciale e a rilanciare un complesso di attività produttive e imprenditoriali, oggi in grave situazione di difficoltà economica e occupazionale. E’ nostro intendimento  verificare il percorso programmatico e progettuale intrapreso, partendo dai territori comunali mediante un approfondito confronto su Piani e Programmi insistenti nei vari Comuni, sulle progettazioni finanziate o finanziabili, sulle aree produttive esistenti e quelle attivabili, sui fattori che frenano lo sviluppo locale e sulle iniziative che possono favorirlo”.

Related posts