PIAZZA ARMERINA: RICERCATO IN AMBITO EUROPEO. I CARABINIERI ARRESTANO UN PREGIUDICATO 28ENNE RUMENO.

Print Friendly, PDF & Email

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina hanno tratto in arresto nella tarda giornata di ieri, GRUIA Ciprian, 28ennne di nazionalità rumena, residente a Buhusi (Romania) in strada Orbice nr. 356, di fatto domiciliato a Raddusa (CT) in Contrada Pietrapesce s.n.c., coniugato, nullafacente, ricercato da quattro anni da tutti i Corpi di Polizia d’Europa. I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, che svolgevano regolare pattuglia per le vie cittadine, durante un controllo di routine, hanno fermato il GRUIA che veniva preliminarmente trovato in possesso di gr. 0,5 circa di sostanza stupefacente verosimilmente cannabis indica e di nr. 01 coltello di genere vietato. GRUIA Ciprian, accompagnato presso gli uffici del Comando Arma della città dei mosaici, ha posto inoltre resistenza procurando lesioni personali ai militari operanti che, refertati presso il locale pronto soccorso, sono stati giudicati guaribili in tre giorni. Da un successivo controllo esperito in banca dati è stato accertato che sul conto del cittadino rumeno gravavano diverse condanne passate in giudicato per altrettanti reati contro il patrimonio ed era stato spiccato un mandato di arresto europeo per fini estradizionali come da circolare nr. 918/2006 datata 07.11.2007 della Polizia Rumena ed ai sensi dell’art 95 della convenzione di applicazione degli accordi di Schengen. Dell’avvenuto arresto veniva data comunicazione al Consolato Rumeno in Italia, al Presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta, Magistrato competente per eventuali adempimenti estradizionali ed al Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Enna per i reati di resistenza, lesioni personali, detenzione e porto abusivo di oggetti di genere vietato e detenzione oltre la modica quantità di sostanza stupefacente.
L’arrestato, a conclusione dell’attività investigativa ed espletate tutte le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Enna a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per le incombenze del caso.

Related posts