CCIAA ENNA: 1.600 IMPRESE CANCELLATE NEGLI ULTIMI 5 ANNI NEL COMMERCIO

Print Friendly, PDF & Email

Dal saldo del 2006 al terzo trimestre del 2011 sono state esattamente 1.600 le imprese del settore commercio che hanno chiuso l’attività cancellandosi dal Registro imprese della Camera di Commercio di Enna. Il Registro Imprese per il settore del Commercio complessivamente si chiude con una perdita secca di 300 imprese che è il risultato della differenza fra le 1600 cancellazioni a fronte di 1300 nuove iscrizioni registratesi nel periodo osservato.    E’ questo il dato che emerge da uno studio della Camera di Commercio che ha esaminato il comparto del commercio dal punto di vista statistico. Il settore vive in una condizione di grave difficoltà che rispecchia lo stato di crisi generale in cui versa il Paese, dice Liborio Gulino Presidente della Camera di Commercio, ed i dati dell’ufficio Studi della Camera lo confermano. Negli ultimo 5 anni vi è stato un ricambio nel settore di circa il 40%; 1.300 nuove imprese su 3.550 che è la consistenza del settore.

Nella stragrande maggioranza le 1.300 nuove imprese sono imprese individuali, sottocapitalizzate, i cui titolari sono giovani che intraprendono un’attività con la speranza di costruirsi un avvenire, e che si affacciano al mercato ed alla concorrenza con tutte le difficoltà date dalla crisi e dal suo perdurare che ha generato soprattutto nell’ultimo anno una consistente contrazione dei consumi.

In una situazione di crisi generalizzata, continua Gulino, che riguarda tutta l’economia e tutti i settori, queste imprese giovani, desiderosi di rischiare, ma sottocapitalizzate, avrebbero bisogno di misure di sostegno, a cominciare dalla concreta possibilità di accedere al credito che rappresenta per l’impresa la linfa vitale per vivere ed andare avanti e di assicurare da parte della pubblica amministrazione i pagamenti per la fornitura di beni e servizi.

Il settore va male. Nel primo semestre del 2011 si registra un calo in sicilia del 7,1% ( rapporto Banca d’Italia sull’economia Siciliana).

Related posts