CONTINUANO I COMMISSARIAMENTI IN PROVINCIA. LA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA TERRA DI CONQUISTE.

Print Friendly, PDF & Email

Continua la politica scellerata del governo Lombardo, un governo che non ha rispetto delle regole della democrazia, un governo che sa soltanto commissariare e non è in grado di programmare e dare risposte al territorio.  ” Il governo Lombardo dovrebbe commissariare se stesso al posto dei vari commissariamenti di vari enti della provincia a cominciare dall’Asi, allo Iacp fino a quello paventato della Camera di Commercio”. Queste le dichiarazioni del consigliere provinciale del Pdl, Giuseppe Regalbuto dopo che la Regione sta commissariando diversi enti in provincia con la nomina dei commissari straordinari.  Il consigliere provinciale eletto nella lista del Pdl, Giuseppe Regalbuto, aveva contestato in precedenza il commissariamento del consorzio di sviluppo dell’area industriale che dura da oltre due anni e dove la Regione ha nominato diversi commissari. Il consiglio di amministrazione dell’Asi di Dittaino, infatti, è rappresentata da diversi componenti nominati dagli enti locali tra cui comuni e la provincia regionale di Enna. ” Non è possibile che i vari enti vengano commissariati dalla regione – afferma il consigliere provinciale, Giuseppe Regalbuto – come ad esempio l’istituto autonomo case popolari dove la provincia regionale di Enna da almeno un anno e mezzo ha inviato una triade di nomi e di cui la Regione non ne ha tenuto conto. Anzi al posto di nominare il responsabile assistiamo al paradosso perché da poco è stato nominato un commissario straordinario. E’ indubbio che assistiamo ad un immobilismo politico”.
Infatti, il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, ha nominato, qualche settimana fa, Egidio Elio Marchese, dipendente della regione siciliana, commissario straordinario presso l’istituto autonomo case popolari.
“Come mai la nostra è diventata una delle poche province siciliane – continua la critica di Regalbuto – dove, in parecchi istituti ed enti, sono stati nominati i commissari straordinari che sistematicamente provengono da altre province o che sono funzionari della Regione, e non vengono quasi mai nominati personalità o professionisti del nostro territorio che conoscono di gran lunga superiore le problematiche del settore? Addirittura come se non bastasse forse anche la camera di commercio potrebbe essere commissariata”.
Secondo il consigliere provinciale Giuseppe Regalbuto se avvenisse il commissariamento straordinario da parte della Regione anche per la Camera di Commercio, si andrebbe a dare un’altra «pugnalata» ad una provincia troppo martoriata.

Giuseppe Regalbuto

Related posts