A NICOSIA SUCCESSO PER LO SPETTACOLO-DENUNCIA DEL CSR “LE OMBRE SI VESTONO DI COLORE”.

E’ stato uno spettacolo emozionante e significativo: per i contenuti e gli argomenti che sono stati affrontati, ma anche per la bravura dei piccoli assistiti e dei genitori dei disabili che frequentano giornalmente il centro di riabilitazione del Csr. E difatti non sono mancati gli applausi, ieri mattina (mercoledì 4 gennaio) al cineteatro comunale di Nicosia, per gli attori protagonisti di “Le ombre si vestono di colore”, lo spettacolo-denuncia realizzato dal Consorzio Siciliano di Riabilitazione di Nicosia. Presentatrici e madrine della manifestazione la logopedista Maria Carmela Contino e l’assistente sociale Giusy Lo Joco, che hanno anche illustrato lo spirito della manifestazione. Dopo una bella rappresentazione della natività che ha visto protagonisti i piccoli assistiti dell’ambulatorio, lo spettacolo infatti ha anche utilizzato i toni della provocazione, per svegliare le coscienze e far comprendere alla società le esigenze e i bisogni delle persone disabili e dei loro familiari. Dietro ad un telo, illuminati da un faro per farne risaltare l’ombra, genitori di persone con disabilità hanno esposto con sincerità tutte le difficoltà incontrate nel duro percorso della riabilitazione e della “gestione” di un figlio disabile. Da loro si sono levate richieste e accorati appelli, il più sentito dei quali è stato quello per la realizzazione di un Centro diurno a Nicosia, un territorio in cui il Csr rappresenta l’unico presidio che fornisce servizi riabilitativi: “Quando mio figlio ha compiuto 18 anni mi sono sentita dire dalle istituzioni pubbliche che non poteva più frequentare il Csr, ma è giusto che un ragazzo della sua età che non va a scuola e non lavora debba stare tutto il giorno chiuso in casa perché qui non esiste un Centro diurno?” è stato l’appello lanciato da una delle mamme dal palco del cineteatro comunale. Un appello che è stato subito accolto dai rappresentanti delle istituzioni che hanno partecipato alla manifestazione. Erano presenti in particolare il vescovo della diocesi di Nicosia, Salvatore Muratore, il sindaco Antonello Catania, assieme al presidente del Csr Francesco Lo Trovato, al procuratore del Csr di Nicosia Calogero Vetriolo, l’on. Edoardo Leanza e ospite d’eccezione anche l’assessore alle Pari opportunità del comune di Torino Mariacristina Spinosa.
“Oggi finalmente – ha detto il sindaco Catania – il Comune ha aggiudicato la gara per l’assistenza domiciliare, bloccata da tre anni per un ricorso, e siamo convinti che questo servizio possa essere trasformato anche in un Centro diurno in tempi brevissimi”. Ma una delle notizie più belle date nel corso della mattinata è che “la Giunta e il Consiglio comunale hanno dato il via libera alla concessione edilizia per realizzare il nuovo Centro di riabilitazione del Csr a Nicosia e per questo non possiamo che ringraziarli anche a nome dei nostri bambini e dei genitori” ha detto il procuratore Vetriolo. “Costruiremo una casa più nuova e più bella per i nostri disabili, un centro grande mille metri quadri attorniato da verde – ha detto il presidente Lo Trovato – E’ la dimostrazione dell’amore che mettiamo nell’aiutare chi ha bisogno di noi e vedere che in questi giorni si realizza un nuovo sogno è una grande soddisfazione”.

About Post Author