APPELLO DEL PRESIDENTE DELLA FAND GIUSEPPE REGALBUTO PER MAGGIORI SERVIZI AI MALATI ALZHEIMER IN PROVINCIA DI ENNA.

In Provincia di Enna si registra a tutt’oggi una forte carenza di servizi in favore dei malati di Alzheimer e a sopperire è sempre la famiglia. Figli, coniugi e parenti stretti sono i loro care giver, con tutte le difficoltà legate ai costi, economici e psicologici, dell’assistenza. Ad affermarlo è il Presidente della FAND Giuseppe Regalbuto. Secondo fonti Censis, il costo diretto a carico delle famiglie che assistono un ammalato di Alzheimer è pari a 10.627 euro all’anno. Ad essere compromessa, perciò, non è solo la realtà dell’ammalato, ma anche quella della sua intera famiglia, la quale si trova a dover affrontare gravi difficoltà. Le principali cause del disagio sono costituite dai molteplici problemi che nascono dall’assistenza e dai suoi elevati costi. Per l’assistenza di chi è colpito dall’Alzheimer occorre, infatti, non solo una grande forza psicologica, ma, anche e soprattutto, un adeguato sostegno economico. Parlare di Alzheimer – continua Regalbuto – è dare voce alle memorie che non sono presenti ed è un dovere sociale cercare di fare luce e sostenere tutte quelle patologie che hanno dei costi, non solo economici, ma anche umani.

L’Alzheimer rappresenta ancora, per molti versi, un universo di isolamento e di sofferenza, che fa paura scoprire e che si tende a mantenere nascosto.

Tuttora la condizione dei malati di Alzheimer e dei loro familiari è emblematica delle difficoltà che il nostro sistema sanitario e socio-assistenziale incontra nell’approntare risposte e soluzioni adeguate per la presa in carico delle patologie croniche ed invalidanti che possono accompagnarsi alla condizione anziana.

Poiché è demoralizzante accudire un ammalato del genere, i familiari si sentono schiacciati, sia fisicamente che psicologicamente, fino a provare uno sconforto tale da chiudersi nell’isolamento totale.

Il Presidente della FAND lancia, pertanto, un appello affinchè in Provincia di Enna tutti gli enti pubblici e privati delle strutture assistenziali attivino i servizi UVA (Unità di Valutazione Alzheimer) e siano, altresì, garantiti l’accesso gratuito ai farmaci specifici, l’attivazione di centri diurni e l’assistenza domiciliare.
IL PRESIDENTE DELLA FAND
Giuseppe Regalbuto

About Post Author