PREFETTURA DI ENNA SALVA: IL GOVERNO RITIRA IL DECRETO

Print Friendly, PDF & Email

Buone notizie per quanto concerne l’abolizione dela Prefettura di Enna, secondo quando riportato da Tommaso Guarino, della Cisl di Enna “Il Governo si impegna formalmente a ritirare lo schema di Dpr che prevedeva la soppressione delle 23 prefetture, tra cui quella di Enna”. La nota ufficiale secondo fonti ben informate sarebbe arrivata proprio nella giornata di ieri direttamente dl Ministero dell’Interno alla Prefettura di Enna. Secondo Guarino il merito del ritiro del Dpr è da attribuirsi anche all’impegno del sindacato che lavorato alacremente nel corso di questi mesi per tutelare un baluardo di legalità sul territorio, simbolo della Presenza dello Stato nelle zone più disagiate e depresse economicamente come appunto Enna. Il Governo farà quindi marcia indietro su un provvedimento ritenuto da molti dannoso per un territorio già molto svantaggiato, dopo infati la chiusura della Banca d’Italia, l’accorpamento della Camera di Commercio a Caltanissetta, e di molti altri Enti fondamentali, il rischio era quello di cancellare presidi essenziali di sicurezza, legalità e tutela sociale in tanti territori. “La nostra comunità, insieme alle altre comunità coinvolte, – afferma il Segretario Cisl,


avrebbe visto lo Stato arretrare, proprio nel momento di maggior bisogno, rischiando di rimanere scoperta di fronte alle emergenze, alla lotta al malaffare e alle esigenze di integrazione e coesione sociale connesse ai flussi migratori”.

Il Dpr che prevedeva la soppressione delle 23 prefetture tra cui quella di Enna, rientrava nell’emendamento della legge sulla Stabilità già prevista dalla legge sulla spending review di Monti che impone la riduzione delle prefetture. E il Ministero dell’interno ritirerà lo schema di Dpr con l’elenco delle 23 sedi da sopprimere.
Per effetto degli impegni formali del Governo, Cgil, Cisl e Uil hanno revocato la manifestazione nazionale prevista per l’11 dicembre prossimo.
Occorre adesso, conclude Guarino, essere vigili e verificare che il governo dia attuazione a quanto comunicato ufficialmente”. Mario Barbarino

Related posts