“La Nord-Sud rischia di diventare un’altra incompiuta”: allarme della Filca -Cisl

Print Friendly, PDF & Email

È una situazione di stallo che allarma e non fa intravedere segnali positivi in prospettiva.«Sono passati 18 mesi dalla pubblicazione del nuovo bando di gara relativo al lotto B2 – sottolinea il segretario provinciale della Filca Cisl Messina, Giuseppe Famiano – un bando da 72 milioni di euro sul quale c’è il silenzio assoluto». La Filca Cisl di Messina torna ad accendere i riflettori sullo stato dei lavori di ammodernamento e sistemazione della Strada Statale 117 Centrale Sicula, che dovrebbe collegare Santo Stefano di Camastra a Gela. Dallo scorso 21 dicembre, a causa delle vicende giudiziarie che hanno portato al commissariamento della Tecnis Spa e alla cassa integrazione straordinaria per un anno dei 90 lavoratori, sono fermi i lavori

nel cantiere del lotto B4/a. Senza dimenticare il cantiere del lotto B/2 fermo da quattro anni a seguito della decisione dell’Anas di rescindere il contratto con la Saicam. «Sono passati 18 mesi dalla pubblicazione del nuovo bando di gara relativo al lotto B2 – sottolinea il segretario provinciale della Filca Cisl Messina, Giuseppe Famiano – un bando da 72 milioni di euro sul quale c’è il silenzio assoluto». La Superstrada Nord-Sud negli anni ha subìto, dal Governo Crocetta, un riduzione del finanziamento prima di 172 milioni di euro e successivamente di altri 87,9 milioni di euro. «Siamo di fronte ad una classe politica che non vuole ammettere la propria incapacità nel prendere decisioni forti e giuste per la collettività – aggiunge Giuseppe Famiano – al Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta chiediamo risposte concrete in termini occupazionali per i tantissimi lavoratori disoccupati su cui grava maggiormente il peso della crisi del comparto edile e misure immediate ed incisive per la riapertura dei cantieri. Il completamento – conclude – della strada statale 117 Centrale Sicula rappresenta un volano per lo sviluppo economico per tutti i territori interessati». Mario Barbarino

 

Related posts