IL PIACENTINO ENNESE: UN FORMAGGIO CONTRO LA DEPRESSIONE

Print Friendly, PDF & Email

Sono davvero molti i prodotti tipici ennesi, che nel corso degli anni sono diventati sempre più apprezzati anche fuori dai confini regionali, arrivando a conquistare anche i mercati del Nord Italia, tra tutti infatti il Piacentino ennese, è un formaggio a pasta semidura, che ormai da anni è possibile trovare in tutte i grossi supermercati. Il Piacentinu Ennese da qualche anno ha ricevuto anche il marchio DOP, ovvero di origine protetta che circoscrive la produzione solo sul territorio della Provincia di Enna.E’ un pecorino stagionato, che viene prodotto maggiormente nei comuni dell’area sud tra cui Aidone, Assoro, Enna, Barrafranca, Calascibetta Pietraperzia, Valguarnera, Villarosa e Piazza Armerina. Il sapore del piacentino è molto particolare poiché viene realizzato con tre ingredienti principali: latte intero prodotto ovviamente da pecore di razza autoctone, zafferano anch’esso di produzione locale e pepe nero in grani, capace di conferire al formaggio un sapore inconfondibile. Il disciplinare realizzato dall’Ente di tutela del Piacentino ennese impone delle regole ben precise per quanto riguarda la produzione: infatti dalla produzione del latte alla stagionatura fino ad arrivare al confezionamento, deve avvenire nel territorio. Mentre per quanto riguarda la stagionatura essa deve durare almeno un mese per il “primosale”, dai due ai quattro mesi per il semi-stagionato e oltre quattro per lo stagionato.  Secondo una leggenda il piacentino esiste già dai primi del secolo mille, infatti intorno al 1090, Ruggero il Normanno chiese ai casari della zona di produrre un formaggio che combattesse la depressione che colpiva la sua sposa Adelasia. I casari, a lavoro pensarono di “condire” il loro pecorino con dello zafferano:poichè da sempre conosciuto come energizzante ed antidepressivo. Lo aggiunsero all’impasto del tradizionale pecorino, e sembra che la giovane sposa Adelasia, rimase estasiata da questo formaggio, tanto che da allora venne denominato appunto piacentino perchè piace e perchè ancora oggi riesce ad accontentare i palati più esigenti. Oggi il piacentino ennese è un vanto della produzione casearia siciliana e viene considerato “formaggio contro la depressione”.

Mario Barbarino


Martedì 15 Agosto 2017

Related posts